(ANSA) – MILANO, 11 DIC – Il sindaco di Milano, Giuseppe Sala, ha chiesto “scusa e perdono” da parte di tutta la città alla famiglia di Giuseppe Pinelli, il ferroviere anarchico coinvolto ingiustamente nelle indagini sulla strage di piazza Fontana e che morì cadendo da una finestra della questura di Milano alcuni giorni dopo l’esplosione. “La mia presenza qua ha soprattutto il significato di chiedere scusa e il perdono della città per quello che è stato” ha detto Sala nel corso della piantumazione di un albero dedicato a Pinelli nel quartiere di San Siro, a cui hanno partecipato le due figlie Silvia e Claudia. “Facciamo anche una promessa, cioè che come Milano continueremo ad essere quello che siamo. Milano sta cercando di lasciare un segno profondo politico e sociale”.
    Quella tragedia – ha aggiunto Sala – “non doveva succedere, anche perché Pinelli era uno dei cittadini che faceva il suo dovere e si impegnava politicamente”.
   

Fonte

Rispondi