Prima Pagina>Cronaca>Presa la regina dei topi d’appartamento: deve scontare 25 anni
Cronaca

Presa la regina dei topi d’appartamento: deve scontare 25 anni

Colta in flagrante mentre stava mettendo a segno l’ennesimo furto insieme a un complice minorenne. I carabinieri hanno scoperto due alias della donna già condannati dalla giustizia

Roma – Presa sul fatto e in più adesso si ritrova a dover scontare un cumulo di condanne per 25 anni. È la “regina” dei topi d’appartamento della Capitale, una romena di 35 anni domiciliata nel campo nomadi di via Cesare Lombroso. La donna è stata arrestata dai carabinieri del Nucleo Radiomobile di Roma mentre, insieme ad un connazionale minorenne, stava tentando di assaltare due appartamenti di via dei Durantini.

La proprietaria di una delle abitazioni si è accorta di quanto stava accadendo e ha dato l’allarme al “112”, consentendo ai carabinieri di cogliere i due ladri in flagranza. Per stabilire l’età del minore è stata necessaria una visita antropologica e, poiché i medici hanno stabilito che si trattava di un individuo maggiore di 14 anni, anche per lui è scattato l’arresto.

Ma Le sorprese non sono finite. I militari, grazie al riscontro ottenuto dalle impronte digitali della donna, sono risaliti a 2 alias con i quali sono emersi altrettanti provvedimenti a suo carico. Con il primo nome, la donna, è risultata destinataria di un ordine di esecuzione per la carcerazione, emesso a dicembre dello scorso anno dalla Procura Generale della Repubblica presso la Corte d’Appello di Roma che l’ha condannata ad espiare la pena di 25 anni, 11 mesi e 9 giorni di reclusione per numerosi reati contro il patrimonio commessi tra il 2001 e il 2017 in tutta Italia e in particolare a Roma.

Con le seconde generalità, invece, è emerso un ordine di custodia cautelare in carcere datato 9 gennaio 2018 e originato dalle continue violazioni degli arresti domiciliari cui era sottoposta, a seguito di una precedente condanna per furto. La donna è stata trasferita nel carcere di Rebibbia mentre il suo complice è stato accompagnato nel Centro di Prima Accoglienza di via Virginia Agnelli. 

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *