Prima Pagina>Cronaca>Questo matrimonio non s’ha da disfare
Cronaca

Questo matrimonio non s’ha da disfare

Il quinto referendum per separare Mestre da Venezia non si farà. La sentenza del Tar ha gelato l’entusiasmo degli autonomisti: la macchina organizzativa era già partita. Ma Venezia e Mestre continueranno a restare unite

La macchina organizzativa era già a regime. Manifesti pronti per essere affissi, l’organizzazione di comizi e banchetti. E poi i confronti dei bar e magari la frase dominante “ma ga senso far naltro referendum?” (tradotto, ha senso fare un altro referendum?). La doccia gelata per gli autonomisti è arrivata dalla decisione del Tar che ha di fatto, sentenza di 38 pagine, ha bocciato il referendum consultivo per la separazione di Mestre e Venezia. In pratica 209 mila persone sarebbero state chiamate alle urne il prossimo 30 settembre e già nei giorni scorsi erano già stati delineati i confini delle due città, una di terra ed una di acqua. Come sempre in queste occasioni c’è chi esulta (il sindaco Luigi Brugnaro) e chi si abbatte (l’economista e autonomista Gian Angelo Bellati). Ma quella del referendum per dividere Mestre da Venezia non è una novità. Dal 1979 ad oggi i cittadini mestrini-veneziani sono stati chiamati ben quattro volte a decidere sulla divisione: per ben tre volte vinse il NO al divorzio, nel 2003 non venne neppure raggiunto il quorum. E se il  30 settembre i cittadini si fossero recati alle urne che esito ne sarebbe uscito? Chiaramente parliamo al condizionale. L’anno scorso in ottobre a larga maggioranza il Veneto aveva votato Si alla proposta di maggiore autonomia chiesta dal presidente della Regione Luca Zaia. In questo momento i sondaggi danno come politico del momento il vice premier Matteo Salvini. E soprattutto anche nella un tempo “rossa” Venezia la spinta autonomista sta facendo proseliti (vedi risultati elezioni politiche del 4 marzo scorso in laguna). Ma per un motivo o per l’altro evidentemente “questo matrimonio non s’ha da disfare”, vale a dire, che forzatamente, o attuando il classico “buon viso a cattivo gioco”, Venezia e Mestre dovranno continuare a convivere assieme. 

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *