Prima Pagina>Cronaca>Rizziconi, l’associazione Solidal’è Onlus promuove un progetto per ricordare il bombardamento del 6 settembre 1943 nella cittadina della provincia di Reggio Calabria
Cronaca

Rizziconi, l’associazione Solidal’è Onlus promuove un progetto per ricordare il bombardamento del 6 settembre 1943 nella cittadina della provincia di Reggio Calabria

L’associazione Solidal’è Onlus di Rizziconi, nell’ambito del progetto “Rizziconi, 6 settembre 1943 – Un futuro per la memoria”, darà il via il 21 febbraio ad un percorso con gli studenti sull’eccidio nazista con un incontro, patrocinato dal Comune di Rizziconi e dell’Istituto Comprensivo “G. Casella”, che ha come titolo …il racconto perduto”. La manifestazione si terrà nell’Auditorium Casa di Nazareth di Rizziconi alle ore 10 e ad essa prenderanno parte, dopo i saluti istituzionali del sindaco Alessandro Giovinazzo e del dirigente scolastico Giuseppe Gelardi, il docente di storia e filosofia Francesco Del Grande e la storica e scrittrice Donatella Arcuri. A cornice della manifestazione, lettura di brani a cura dell’attrice Daniela D’Agostino, e l’intervento musicale del pianista Antonio Ruoppolo.

Scopo dell’iniziativa è quello di Ridare importanza, valore e una funzione alla memoria, in un piccolo paese del Sud Italia, affinché le giovani generazioni possano essere testimoni della propria storia. 

Come si legge, infatti nella nota diramata dalla stessa associazione promotrice di questo valido progetto “L’eccidio nazista di Rizziconi, avvenuto il 6 settembre 1943, è una vicenda misconosciuta, sulla quale esistono fonti scarsissime. Si è trattato di un cannoneggiamento tedesco che ha avuto luogo nella cittadina della Piana di Gioia Tauro, a ridosso dello sbarco e dell’avanzata angloamericana in Calabria, l’unico eccidio nazista di civili nella regione. Sono morte 17 persone e 23 sono state ferite: una strage di civili innocenti, di cui undici ragazzi.

 

Grazie al contributo di studiosi e storici del nostro territorio, tra cui Donatella Arcuri e Antonino Catananti Teramo, riunitisi nel Comitato “6 settembre ‘43”, molto è stato fatto per recuperare e restituire, in primo luogo alla comunità rizziconese e calabrese, quel racconto perduto. L’eccidio nel 2016 è finalmente entrato nell’Atlante delle stragi nazifasciste perpetrate nel nostro paese.

 

Da qui, dunque, l’intuizione dell’Associazione guidata dalla presidente Giusy Pappatico di avviare un percorso di approfondimento, rivolto agli studenti della scuola secondaria di primo grado di Rizziconi, sulla vicenda storica e sul valore della memoria, per costruire una nuova e rinnovata coscienza civile”.

Ilprogetto, oltre all’ncontro con gli studenti del 21 febbraio, prevede anche la realizzazione di un cortometraggio e la pubblicazione di un libro.

Maria Teresa Bagalà