Prima Pagina>Cronaca>Salvatore Pezzano, la speranza viene da Perugia: equipe medica pronta ad operarlo
Cronaca Salute

Salvatore Pezzano, la speranza viene da Perugia: equipe medica pronta ad operarlo

Il diciannovenne, rimasto vittima di una grave e rarissima lussazione alla clavicola sinistra, avrebbe trovato risposta all’annuncio postato su Facebook con cui chiedeva aiuto: finora nessun medico si era era disponibile ad operarlo

Alla fine l’appello di Salvatore Pezzano ha trovato risposta. L’ospedale di Perugia si è infatti reso disponibile ad operare il diciannovenne, rimasto vittima di un trauma alla clavicola su cui nessun medico si era reso disponibile a intervenire. Pezzano, a seguito di un contrasto di gioco durante una partita di calcetto, ha subito una grave e rarissima lussazione sterno claveare, che ha portato la clavicola sinistra del giovane ad “insaccarsi” all’interno dello sterno, vicino all’arco aortico (a soli 7mm) e altri vasi sanguigni e strutture importanti”.

Una condizione che richiede un intervento chirurgico delicato e rischioso, per il quale alcuni medici del capoluogo umbro si sono ora fatti avanti: Massimo Lenti, direttore della chirurgia vascolare dell’ospedale Santa Maria della Misericordia, e Antonello Panti, dell’equipe di ortopedia (guidata da Auro Caraffa) si sono detti pronti a intervenire, sostenendo di essersi occupati “anche di casi più complicati”, o simili, su un cestista di 25 anni con un trauma analogo, che ora è tornato a giocare a basket.

“Abbiamo una tecnologia avanzatissima, una equipe multidisciplinare che ha eseguito interventi ancora più complessi. Da qui il nostro invito a venire a Perugia: noi siamo disponibili anche in 24 ore a sottoporlo a intervento chirurgico”, hanno affermato Lenti e Panti, spiegando che “ci ha colpito il fatto che Salvatore Pezzano, attraverso i social, abbia detto che sta girando tanti ospedali e nessuno è disponibile. Abbiamo sempre avuto – hanno aggiunto – un’ottima riuscita degli interventi. Abbiamo la competenza e l’esperienza per affrontare questo caso specifico. E – hanno concluso – siamo pronti a intervenire”.

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *