(ANSA) – FIRENZE, 6 DIC – I carabinieri hanno eseguito nella campagna di Firenze l’arresto in carcere di un 55enne italiano per aver sequestrato e abusato di una donna, 53enne, ex moglie del fratello. L’ha tenuta segregata in un pollaio per un mese dopo averla attirata con una trappola. La donna, legata perché non fuggisse, veniva liberata solo un paio di volte al giorno perché si alimentasse, di solito con acqua e biscotti. La vicenda è emersa quando lei è riuscita a scappare e dopo 6 km fatti nei boschi ha chiesto soccorso a un automobilista di passaggio. Il 55enne è accusato di sequestro di persona in concorso, lesioni, violenza sessuale, violenza privata, rapina ed indebito utilizzo di carte di pagamento. La vicenda inizia quando l’uomo, con la complicità di un fratello, attirò in una zona isolata della Val di Sieve la donna, che è sua ex cognata in quanto ex moglie di un altro fratello. Con l’inganno la fece entrare in un pollaio dove la picchiò violentemente e la teneva legata ad una branda.
   

Fonte

Rispondi