Prima Pagina>Cronaca>Tav: l’Ue minaccia di tenersi 300 milioni 
Cronaca

Tav: l’Ue minaccia di tenersi 300 milioni 

Tav Telt

(Afp)

TAV Torino Lione

Il cda di Telt, il promotore pubblico incaricato della realizzazione della sezione transfrontaliera della Torino-Lione, riunitosi, oggi, a Parigi, ha deciso all’unanimità “un breve rinvio sulla pubblicazione dei bandi di gara” mantenendo aperta la seduta “per acquisire i necessari approfondimenti tecnico-procedurali”. La decisione è stata presa, si dice in una nota, “alla luce della situazione e a seguito dei contatti con i Governi”.
Nel corso della seduta del cda, il rappresentante della Commissione Europea, si riferisce ancora nel comunicato di Telt, “ha reso nota una comunicazione ufficiale di Inea (Innovation Networks Executive Agency) che indica come condizione per la conferma dell’intera contribuzione di 813 milioni di euro la tempestiva pubblicazione dei bandi, mentre in caso contrario verrà applicata una riduzione di 300 milioni”.
Al termine della discussione il Consiglio ha incaricato il presidente ed il direttore generale di Telt di informare i due governi “dei termini della discussione odierna, delle scadenze definite da Inea e delle responsabilità conseguenti”.

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it.
Se invece volete rivelare informazioni su questa o altre storie, potete scriverci su Italialeaks, piattaforma progettata per contattare la nostra redazione in modo completamente anonimo.

Rispondi