Prima Pagina>Cronaca>Testate e pugni in campo, scattano 4 daspo a Trapani
Cronaca

Testate e pugni in campo, scattano 4 daspo a Trapani

calcio Testate pugni daspo Trapani

Quattro daspo sono stati dati dopo tre distinti episodi che hanno visto coinvolti dirigenti e giocatori di alcune società calcistiche della provincia di Trapani, accusati di comportamenti minacciosi e violenti.

Il primo episodio si è verificato a Partanna in occasione dell’incontro tra le squadre Bruno Viviano Partanna e Asd Bianco Arancio Petrosino, presso l’impianto sportivo comunale “Madonna delle Grazie”.

Un calciatore 36enne della squadra partannese al termine della partita si e’ scagliato contro l’allenatore della squadra avversaria colpendolo al naso con una violenta testata. Immediati i soccorsi al malcapitato che si è visto costretto a ricorrere alla cure del limitrofo nosocomio di Castelvetrano dove gli veniva diagnosticata una frattura al setto nasale.

Un altro episodio nel campo de Salemi, la cui squadra di calcio milita nel campionato di promozione. In questo caso un dirigente 47enne durante le fasi finali della partita, ha colpito con un pugno allo stomaco uno dei guardalinee, responsabile, a suo dire, di non avere segnalato un presunto fuorigioco commesso da un giocatore della squadra avversaria; il guardalinee è stramazzato e l’arbitro ha sospeso l’incontro di calcio. La vittima ha avuto una prognosi di sei giorni. Il questore ha disposto un daspo della durata di due anni nei confronti del giocatore partannese, tra l’altro denunciato dalla parte offesa per il gesto violento. Il dirigente calcistico del Salemi è stato sottoposto a un daspo di quattro anni. 

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it.
Se invece volete rivelare informazioni su questa o altre storie, potete scriverci su Italialeaks, piattaforma progettata per contattare la nostra redazione in modo completamente anonimo.

Rispondi