Salta al contenuto principale
  • BUONGIORNO ITALIA! Se poniamo a confronto il fiume e la roccia, il fiume vince sempre non grazie alla sua forza ma alla perseveranza.Gautama Buddha

Venezia: presi gli imbecilli, sono anche "studenti" dell'Accademia di Belle Arti

Era stato sfregiato anche un ponte. Il governatore Zaia propone, giustamente, che siano messi alla gogna. Un tempo delinquenti e deficienti venivano messi in "cheba" (gabbia) e appesi alle colonne che guardano il Bacino di San Marco
vandalismo venezia
Foto adnkronos.com

Corriere della Sera, Gloria Bertasi e Eleonora Biral 

È stata divorata dal rimorso, ha visto tre amici imbrattare uno dei due Leoncini di San Marco e non ha detto nulla e quel senso di colpa l' ha spinta a confessare. Ieri, alle 15.30, a ventiquattro ore dall' episodio che ha fatto indignare tutta Venezia, una studentessa ventenne si è presentata dai carabinieri e ha raccontato la sua versione dei fatti: dopo una serata tra amici, rallegrata da spritz e birra, la compagnia si è spostata in piazza San Marco e, lì, la giovane avrebbe assistito all'atto vandalico da parte dei tre che erano con lei.

vandali venezia
Capolavoro di altri imbecilli, probabilmente tedeschi. Foto huffingtonpost.it

 

Sono quattro coetanei e studiano tutti all' università a Venezia, due di loro sono addirittura iscritti all' Accademia delle Belle arti, la stessa scuola d' arte il cui primo presidente fu Gianbattista Tiepolo.

Non c' è dunque alcun turista colpevole dello sfregio, come avevano ipotizzato molti in laguna, sono appunto universitari fuorisede, una di Trento, uno di Brescia e un terzo di Perugia. Ragazzi che, stando al percorso di studi, dovrebbero amare e rispettare l' arte e, invece, sabato notte, alle 3.58, hanno sfregiato con vernice rossa un leone del Settecento e un ponte veneziano.

vandalismo venezia
Foto Il Gazzettino

 

Uno è stato rintracciato in un campo, un altro era a casa sempre a Venezia mentre la giovane è stata fermata a Trento. L' episodio ha scosso profondamente la città, che si è sentita toccata nella propria identità: il Leone di San Marco è il simbolo della storia secolare della Serenissima e, per tutti i veneziani, quella vernice rossa sul Leoncino di San Marco è stata percepita come uno sfregio a ciò che Venezia, per chi ci vive, è e rappresenta, una città cioè unica al mondo, dove si respirano arte e storia ad ogni passo e per questo da rispettare.

Il fatto, poi, è avvenuto proprio quando in laguna non si parla d' altro che di sovraffollamento turistico, di boom di Airbnb e di come punire quei visitatori «cafoni» che si tuffano dai ponti, imbastiscono picnic sulle rive, lungo le calli e in piazza San Marco.

vandalismo venezia
Altra orda di imbecilli, sottospecie "sabato sera", sempre a Venezia, pronti a entrare in azione. Foto La Voce di Venezia

 

Inoltre, le scritte sui muri dei palazzi o sulle vetrine dei negozi rientrano nella categoria «comportamenti cafoni» per cui il nuovo Regolamento di polizia e sicurezza urbana - al voto in consiglio comunale a fine mese - prevede il Daspo urbano, oltre che una multa fino a 500 euro. Così, alla vista del Leoncino macchiato di rosso e del ponte del Carmine scarabocchiato dalla scritta «mi state uccidendo», sopra il disegno di un bambino con un palloncino, il primo a chiedere una punizione esemplare è stato il sindaco Luigi Brugnaro che ieri ha rincarato la dose.

«Presi i vandali del Leoncino in piazza San Marco, adesso sono sotto interrogatorio e poi comunque deciderà il magistrato - ha scritto sui social network -. La città non chiede vendetta, ma un giusto risarcimento con lavori sociali pubblici davanti a tutti. Grazie ai carabinieri e alla polizia locale di Venezia».

vandalismo venezia
Altri "studenti" di Belle Arti o normali teste di minkia (scusate il francesismo)? Foto ansa.it

 

Della stessa opinione, il presidente del Veneto Luca Zaia: «Era molto significativo assicurare alla giustizia questi quattro incivili, Venezia è unica al mondo, merita un rispetto di pari importanza - commenta -. Meritano una punizione esemplare, il massimo consentito dalla legge, ma anche di essere esposti in qualche modo al pubblico ludibrio, perché abbiano modo di vergognarsi al punto giusto».

Per ora, è certo che saranno denunciati per danneggiamento e non è detto che Accademia e Università non prendano, anche loro, provvedimenti.