Salta al contenuto principale
  • BUONGIORNO ITALIA! Lo sciocco dice, “Questi sono i miei figli, questa è la mia terra, questo è il mio denaro”. In realtà, lo sciocco non possiede se stesso, tanto meno i figli, la terra o il denaroGautama Buddha

Raffigurazioni energetiche: un dermoriflessologo illustra i benefici in un libro

di Sandra Lucchini
L'esperienza maturata, negli anni, da Sigfrid Licari gli permette di ottenere riscontri significativi. A lui si rivolgono, in particolare, persone deluse dalla medicina tradizionale, con forme di intossicazione da farmaci più o meno gravi
il libro scritto da sigfrid licari di prossima presentazione

AOSTA. "Mi piacerebbe rassicurare le persone che chiedono il mio aiuto in relazione alla validità di queste metodologie alternative alla medicina tradizionale". Dice molto di più Sigfrid Licari, 45 anni residente a Rovarey, di Nus. "Da bambino giocavo con i serpenti, con i ricci e con altri animaletti poco simpatici alla maggior parte della gente. Riuscivo ad ammansire i cani più ringhiosi al punto che mi seguivano, trotterellando, fino al portone della scuola, Ma, soprattutto, avvertivo una forte predisposizione verso i più deboli, verso chi doveva confrontarsi, ogni giorno, con seri problemi di salute". Molta gente vedeva in me qualcosa di mistico".

  L'uomo, dipendente di un'azienda commerciale, racconta in un libro dedicato alle 'Rune' la sua vita scandita da continui studi e aggiornamenti su queste tematiche infinite. La pratica dei 'rabeilleur', in particolare, gli permette di manipolare l'apparato osseo con riscontri più che incentivanti. La conoscenza molto approfondita di erbe e fiori "la mia grande passione",  lo hanno messo in contatto con molti cittadini cultori di queste pratiche veri e propri 'regali' della Natura. Frequenta l'Accademia olistica Tesla, in Ruelles des Fermes, ad Aosta, e, di recente, ha allestito una scuola di 'Rune'.

 Spiega Il significato e i particolari': "Sono simboli divinatori di origine germanica che esprimono il loro massimo potere nel trattamento di riequilibrio energetico, psicofisico, agevolando la prevenzione di determinate malattie".

 Pratiche che, nei Paesi del Nord Europa, costituiscono la colonna portante nel trattamento di varie patologie. "Chi le conosce non può che confermare la loro efficacia", sottolinea.

  Oggi, pratica la dermoriflessologia, la cromoterapia  e mette a disposizione la medicina popolare. I famosi 'secret', espressione eloquente di  cure millenarie. Non ama definirsi un guaritore. Anzi, Prende le distanze da coloro che speculano sulle disavventure altrui.

  Sigfrid Licari non lesina sorprese. "Sto lavorando ad altre pratiche in Accademia". Non nasconde neppure un forte desiderio: "Vorrei conseguire una formazione di livello tale da proporre queste tecniche in maniera chiara, senza  creare aspettative fuorvianti e snaturate della loro essenza. Mi piacerebbe - continua il dermoriflessologo - rassicurare le persone che chiedono il mio aiuto sulla validità di queste metodologie alternative alla medicina tradizionale"

  Specifica come in questa sua 'mission' non percepisca denaro. "Le persone mi danno ciò che vogliono, ciò che possono". Per Licari è molto più importante alleviare il dolore e, in molti casi, sconfiggerlo con gli 'amici' donati dalla Natura. Che diventa, ogni giorno di più, una alleata indispensabile da cui attingere per onorare e praticare al meglio prevenzione e forma fisica.

  Ricorda con un  certo orgoglio di "quella volta che ho restituito il sorriso ad una persona caduta in una profonda depressione. Ci tengo a menzionare anche la soluzione di una importante emorragia uterina con la pranoterapia. Su me stesso, poi, penso di aver conseguito la più grande delle vittorie, riuscendo a camminare dopo due anni di semiparesi a seguito di un incidente stradale. Ma - ribadisce - non sono un medico. Conseguirò, a breve, la qualifica di Naturopata e, quindi, potrò ampliare la mia offerta terapeutica alternativa con maggiori garanzie".

 Nella vicina Svizzera la medicina popolare è riconosciuta e praticata in termini professionali.

  "Lo Stato italiano - affonda Sigfrid Licari - non ha ancora considerato nella giusta dimensione questa opportunità in grado di dare risposte terapeutiche concrete, praticate, oltretutto, dagli albori della civiltà, con lusinghieri successi", è il suo commiato.