Salta al contenuto principale
  • BUONGIORNO ITALIA! Non gettare sugli altri la tua responsabilità; è questo che ti mantiene infelice. Assumiti la piena responsabilità. Ricorda sempre: io sono responsabile della mia vita. Nessun altro è responsabile; pertanto, se sono infelice, devo scrutare nella mia consapevolezza: qualcosa in me non va, ecco perché creo infelicità tutt’intorno a me – OshoOsho

Diventa ricco in Canada, torna e compra le terre bombardate nella Grande Guerra

Si chiama Ermenegildo Giusti e quando racconta la sua storia dichiara: «Sono emigrato in Canada a 17 anni, non avevo niente, ma volevo diventare ricco e non avevo nessun dubbio che ci sarei riuscito»
Diventa ricco in Canada, torna e compra le terre bombardate nella Grande Guerra

Si chiama Ermenegildo Giusti, è un uomo di 64 anni nato a Volpago in provincia di Treviso ed è un uomo ricco. «Sono emigrato in Canada a 17 anni, non avevo niente, ma volevo diventare ricco e non avevo nessun dubbio che ci sarei riuscito». Ora può permettersi di comprare le trincee della Grande Guerra sul rilievo montuoso del Montello perché non spariscano.

Sono diventati suoi anche 250 ettari di terreno, la metà coltivati a vite, dove si produce un ottimo vino, nei quali c'è l'Abbazia di Sant'Eustachio, distrutta cento anni fa dalle cannonate austriache e restaurata a sue spese sotto il controllo della Soprintendenza. "Da bambino mi sembrava un castello misterioso, con le guglie. A otto anni, quando andavo nei roccoli a catturare uccelli, mi incantavo davanti all'Abbazia, mi chiedevo chi ci vivesse. Mi è sembrato che mi avesse aspettato tanto tempo e che toccasse a me rimetterla in vita. Come se fosse stato un mio dovere farlo. Quello è il mio posto magico".

Ermenegildo Giusti, in Canada è proprietario di numerose aziende che si occupano di costruzioni, sotto l'ombrello della Giusti Group. La ditta è nata nel 1974 a Calgary, la città delle Olimpiadi che in Italia ricordiamo per le imprese di Alberto Tomba e attualmente conta un fatturato di 250 milioni di dollari e un migliaio di dipendenti. Ogni anno importa mille container di ceramiche dall'Italia.