Prima Pagina>Curiosità>Il bus va in panne e si ferma, i passeggeri lo fanno ripartire a spinta
Curiosità

Il bus va in panne e si ferma, i passeggeri lo fanno ripartire a spinta

E’ accaduto a Bergamo, in pieno centro della città. La scena è stata vista da cittadini e passeggeri che transitavano in zona e il video che è stato prodotto è diventato virale. L’azienda di trasporti pubblici ha ringraziato i protagonisti

Una scena curiosa, più unica che rara: in dieci, venti, trenta, a spingere l’autobus che li trasportava. E’ successo a Bergamo, in città, quando il mezzo pubblico è andato in panne e si è fermato. A quel punto l’autista ha aperto alle porte solo per farli scendere, ma è stato sorpreso dall’azione spontanea degli studenti che si sono messi in coda per spingere il pullman.

Un passante ha ripreso la scena ed è diventato uno dei video più visti negli ultimi giorni. In realtà si vede solo la parte finale dell’impresa, cioè l’autobus che attraversa l’incrocio spinto dai ragazzi, termina la sua corsa e i protagonisti esultanti dietro. Poche ore dopo è arrivato anche il ringraziamento ufficiale di Atb (la società di gestione del trasporto pubblico a Bergamo): «Un gesto spontaneo che ci ha fatto piacere. Grazie ragazzi». 

A Roma, invece, il rapporto tra i cittadini e i mezzi di trasporto pubblici, non sembra proprio idilliaco. Anzi, i cittadini hanno paura. Tanti, troppo, i casi di autobus andati in fiamme. In poche settimane si sono registrati quattro casi: piazza dell’ Ara Coeli, lungo i fori imperiali, via del Tritone, viale di Castelforziano all’ìnfernetto. Scene che territorizzano, impressionano e che hanno generato anche qualche ferito, soprattutto una donna che ha riportato ustione sulle braccia e al volto. La situazione ormai è di pieno allarme e anche il sindaco Virginia Raggi sta cercando di porre rimedio e ha dichiarato: “Stiamo facendo di tutto, ma chi ci ha preceduto ha lasciato Atac a pezzi. Molti mezzi sono vecchissimi”

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *