Prima Pagina>Curiosità>Leggi da ridere. Alcune assurde leggi realmente esistenti nel mondo
Curiosità

Leggi da ridere. Alcune assurde leggi realmente esistenti nel mondo

Si sa, le leggi sono fatte per essere infrante, come dice il detto, ma a sentire queste a chiunque verrebbe da violarle. Luoghi del mondo in cui alcune leggi sembrano più barzellette che norme giuridiche.

Generalmente le leggi vengono stipulate per garantire una pacifica convivenza collettiva e preservare il benessere della società. Ma in certi luoghi del mondo in cui la follia prevale sul buon senso e a governare sono individui di dubbia lucidità mentale, ecco che fanno la loro comparsa delle regole incredibilmente assurde, a tal punto da meritare di essere menzionate anche solo per consolazione, così da farci sentire tutto sommato abbastanza “normali” rispetto a certi luoghi del pianeta.

In Inghilterra è illegale morire nella sede del Parlamento. Se a qualche malcapitato dovesse venire un improvviso malore, cosa farebbe il governo inglese in tal caso? La risposta è ignota. Sempre in terra inglese è considerato illegale “operare una mucca in stato di ebbrezza”. Non è chiaro se lo stato di ebbrezza si riferisca alla mucca o al veterinario operante.

In alcune parti dell’India un uomo indebitato può offrire la moglie come forma di estinzione del debito, mentre a Hong Kong una legge autorizza la moglie a uccidere il marito nel caso in cui questo venga sorpreso a barare, a patto che venga ucciso a mani nude.

In Iowa è illegale per un uomo con i baffi lanciare una donna in pubblico, come se queste occasioni si fossero presentate talmente spesso da necessitare una legge a riguardo.

A Singapore masticare una gomma può costare molto caro: si rischiano multe fino a 1000 dollari. La ragione di ciò consiste nel fatto che le gomme da masticare costituiscono un inquinante che danneggia l’ambiente da un lato e l’estetica delle città dall’altro dato.

LEGGE

In Francia è severamente proibito chiamare un maiale Napoleone, in memoria del grande generale.

Alle Hawaii invece è illegale cantare dopo il tramonto, pene salatissime.

In Turchia si corre il rischio di trascorrere da sei mesi a tre anni in prigione qualora si fosse responsabili d’aver offeso la Nazione turca, la bandiera o distrutto dei soldi sul territorio.

Presa un’auto in affitto in Germania? È bene tener conto del fatto che finire il carburante in autostrada è vietato. Necessario dunque avere un bel rifornimento prima di intraprendere un viaggio. È inoltre vietato spostarsi a piedi in statale, magari per raggiungere la stazione di servizio più vicina.

Oliver Cromwell, istituì una legge nel 1644 che impediva inglesi agli di celebrare il Natale, una festività considerata da lui stesso immorale. Tra i vari divieti c’era quello di mangiare dolci tipici natalizi, biscotti compresi. La cosa assurda che dal 1644 ad oggi, nessun politico del Regno Unito ha fatto un aggiornamento di questa legge un po’ fuori dai tempi. Dunque oggi se vi trovate il giorno di Natale a Londra e state mangiando un Biscotto, sappiate che state commettendo un reato, solo che anche la maggior parte degli inglesi non conosce questa legge.

In tutta la Francia e in alcune località del Regno Unito vige il divieto assoluto di baciarsi in prossimità dei binari.La legge risale ai primi del ‘900, quando le coppie creavano ritardi nelle tabelle di marcia dei treni a causa dei loro addii troppo prolungati.

Nelle Samoa ad un uomo non è consentito dimenticare il compleanno della propria moglie: si tratta di un grave gesto che rivela poca attenzione nei confronti della relazione matrimoniale e che è punito con un’ammenda che il marito deve pagare alla propria consorte.

In Thailandia esiste una legge che punisce chi calpesta le monete, considerato un gesto denigratorio nei confronti del personaggio inciso sulla moneta stessa.

Ad Acworth, Georgia, è obbligatorio per tutti possedere un rastrello.

Tutto sommato possiamo ritenerci abbastanza fortunati, nonostante tutto, vista la situazione legislativa in altre parti del mondo. Grazie Italia! 

 

Rispondi