Salta al contenuto principale
  • BUONGIORNO ITALIA! Il vero amore contiene l'elemento della gentilezza amorevole, che è la capacità di offrire felicitàThich Nhat Hanh

Proel, investimenti per 7,5 milioni di euro partendo da Dexibell

di Alessandro Ragazzo
Programmi ambiziosi per l’azienda abruzzese, che punta a forti crescite nel prossimo triennio
Proel, investimenti per 7,5 milioni di euro partendo da Dexibell

Dopo aver aumentato gli investimenti del 50% nel corso del 2017, Proel Spa, azienda abruzzese che produce e distribuisce in ottanta paesi al mondo sistemi per l’intrattenimento musicale, sta per spendere altri 4,5 milioni per il prossimo triennio per le attività di ricerca e sviluppo, concentrate in Proel Lab, e altri 3 milioni per le partecipate all’estero, un’aggressiva campagna di marketing e la crescita del capitale umano. «Nel centro tecnologico di Acquaviva Picena, nelle Marche, abbiamo sviluppato i nostri nuovi pianoforti digitali Dexibell – spiega l’amministratore delegato Fabrizio Sorbi – che sono riconosciuti da musicisti ed esperti come gli strumenti dall’acustica più vicina a quella tradizionale perché la nostra squadra ha campionato ogni nota musicale dei pianoforti acustici e l’ha riprodotta nello strumento digitale grazie a un nuovo processore Quad-core molto veloce». Sono stati analizzati i suoni dei più importanti pianoforti acustici, compreso un modello Pleyel originario del 1850, in modo da avere la massima diversità all’interno della linea Vivo di Dexibell. L’uso di questa nuova tecnologia nella generazione sonora, offre ampi margini di miglioramento, perché ci si affida a un software e, quindi è aggiornabile con altre versioni del sistema operativo. Una raffinata operazione di ricerca e sviluppo consentirà al marchio di passare da 4,5 a 12 milioni di fatturato nei prossimi tre anni. Dexibell rappresenta l’unità produttiva più sofisticata di Proel, ma il Lab si prenderà cura anche dell’ideare, progettare e realizzare sistemi audio di Axiom e lighting con Sagitter. Tre gli obiettivi del gruppo: aumentare la quota di mercato attraverso lo sviluppo di nuovi prodotti utilizzando nuove tecnologie, investire sull’area europea e aprirsi al Nord America, valorizzare il Made in Italy tramite il design strategico e l’affidabilità dei prodotti. «Gli Stati Uniti sono un mercato chiave – continua Sorbi – perché tutto ciò che funziona da loro va bene anche in Europa, mentre non è detto che valga il contrario». La missione di Proel Lab è realizzare linee tutte italiane, con l’obiettivo di sviluppare prodotti nostrani. Nel settore dei sistemi audio della linea Axiom arriveranno nuovi modelli dalle ottime sonorità ma, soprattutto, di semplice installazione, garantendo un competitivo rapporto prezzo-prestazioni. Nelle ambizioni di Proel, infine, c’è la crescita del 7% nel triennio di Sagitter, il marchio specializzato nell’illuminazione professionale per grandi eventi, quartieri fieristici e discoteche.

Il gruppo Proel, che ha sette controllate all'estero, ha avuto nel 2017 un fatturato consolidato di 50 milioni di dollari e occupa complessivamente 154 addetti.