Salta al contenuto principale
  • BUONGIORNO ITALIA! Non piangere perché è finita, sorridi perché è accadutoDr. Seuss

Opere pubbliche, in Italia 270 cantieri bloccati per un valore di 21 miliardi di euro

Un'impasse che ha provocato 330 mila posti di lavoro in meno, tra i casi più ricorrenti le opere di manutenzione e messa in sicurezza delle scuole. I dati sono stati raccolti da sbloccacantieri.it, sito di Ance creato per segnalare opere incompiute
Loro Piceno

Oltre 21 miliardi di euro di opere bloccate per 270 casi segnalati su tutto il territorio nazionale. È questo il bilancio dei primi tre mesi di sbloccacantieri.it, il sito lanciato dall’Ance (Associazione nazionale costruttori edili) in cui è possibile segnalare opere incompiute, ferme o rallentate. I risultati sono stati resi noti in occasione della presentazione del documento congiunto Ance-Anci (Associazione nazionale Comuni italiani) sulla riforma del codice degli appalti. La stima è che questa impasse abbia provocato 330 mila posti di lavoro in meno e 75 miliardi di euro di mancate ricadute sull’economia.
Il 30% dei casi segnalati riguarda opere di manutenzione e messa in sicurezza degli edifici scolastici,
Seguono le opere di gestione delle acque con il 29% delle segnalazioni, quasi tutte provenienti dal Mezzogiorno. E ancora, al terzo posto con il 15% delle segnalazioni, gli interventi per la viabilità che riguardano la messa in sicurezza, manutenzione e realizzazione di strade statali, provinciali e comunali.

Tra i casi segnalati quelli per gli interventi sulle scuole danneggiate dal sisma nelle regioni del Centro: da giugno 2017 sono andate deserte 10 procedure relative a 6 interventi e soltanto il 16% degli operatori economici invitati ha partecipato alle procedure previste. In Campania, il progetto di risanamento strutturale del fiume Sarno è stato finanziato con quasi 220 milioni di euro di fondi strutturali europei ma, nonostante sia stato dichiarato “grande progetto” nel 2011, risulta ancora bloccato. In Veneto, dei 4 interventi previsti nell’ambito del Piano stralcio del 2015 contro le alluvioni nelle città metropolitane, soltanto per uno di essi risultano recentemente avviate le procedure di appalto. Il quotidiano La Repubblica ha pubblicato una mappa dei lavori frenati in Italia