Salta al contenuto principale
  • BUONGIORNO ITALIA! Nessuno nasce odiando i propri simili a causa della razza, della religione o della classe alla quale appartengono. Gli uomini imparano a odiare, e se possono imparare a odiare, possono anche imparare ad amare, perché l’amore, per il cuore umano, è più naturale dell’odioNelson Mandela

Carte di credito, verso lo stop alla firma sullo scontrino

di Redazione Economia
L'evoluzione della tecnologia renderà presto le firme per i pagamenti con carta di credito un lontano ricordo. La novità riguarda per ora solo gli utenti nel Nord America ma potrebbe arrivare presto anche in Italia
Carta credito, verso stop a firma su scontrino

Le società più grandi al mondo emittenti di carte di credito hanno annunciato lo stop alla richiesta di firma per gli acquisti effettuati tramite il sistema di pagamento. MasterCard, American Express e Discover stanno già agendo, come promesso ormai da mesi, mentre Visa dovrebbe unirsi alla decisione entro la fine del mese.

Per ora attivo solo in Nord America, il cambiamento potrebbe coinvolgere presto anche l'Italia. Si è già mossa in tal senso American Express, abolendo l'obbligo di firma per le transazioni con carta di credito per tutti i suoi utenti sparsi per il mondo, quindi anche per gli utenti italiani. L'addio alla firma sulle carte di credito in via definitiva, tuttavia, sembra essere ancora lontano.

Per lo più sarà facoltativo per i punti vendita e l'utente finale non ha il diritto di rifiutarsi di firmare qualora il rivenditore lo richieda. Cruciale è il cambiamento della tecnologia: Visa ha già eliminato l'obbligo di firma per le transazioni tramite carte con chip, di ultima generazione, e per i pagamenti contactless. La tendenza all'abbandono dell'uso della firma è in corso da diverso tempo: secondo Visa, ad oggi oltre il 75 per cento delle transazioni sulle sue carte in Nord America non richiede una firma a causa dell'esenzione prevista su valori limitati.

La novità non sorprende e non fa temere una nuova ondata di truffe e frodi. A tutelare la sicurezza dei capitali dei clienti intervengono ora delle nuove tecnologie, come chip, dati biometrici e altri metodi per verificare l'identità di chi esegue le transazioni. L'operazione delle grandi società di carte di credito e pagamenti si spiega, infine, con la volontà di alimentare il numero di transazioni compiute dai clienti, eliminando processi superflui e aumentando gli introiti per chi gestisce la rete.