Prima Pagina>Economia>Agroalimentare: in arrivo “La Repubblica dei Contadini”
Economia

Agroalimentare: in arrivo “La Repubblica dei Contadini”

Da venerdì 1 a domenica 3, al parco agroalimentare di Fico Eataly World di Bologna sarà realizzato un più grande mercato contadino italiano. In campo anche la Cia-Agricoltori: un consumatore su quattro acquista dal produttore.

Quasi 250 aziende agricole, provenienti da 71 province italiane e migliaia di prodotti tipici locali: è la “Repubblica dei Contadini”, il più grande mercato contadino mai realizzato in Italia nato da un progetto congiunto di Fico Eataly World e Cia-Agricoltori italiani. L’iniziativa, in programma dal primo al 3 giugno prossimi, porterà a Bologna, nel parco agroalimentare Fico, uno spaccato della biodiversità agroalimentare italiana. Prevista la presenza di 244 aziende agricole in arrivo da tutta Italia, che inizieranno l’allestimento già dal pomeriggio di venerdì primo giugno: 42 coltivatori con i primi pomodori, ciliegie e piccoli frutti; 27 vignaioli e i loro vitigni autoctoni; 31 casari con i formaggi dei propri allevamenti; 20 tipologie di prodotti (latte crudo, salumi e carni da allevamenti, ortofrutta fresca e trasformata, pescato e prodotti da forno, pasta e riso, olio miele) da altrettante regioni; 11 birrifici agricoli. Come rileva l’ufficio studi di Cia-Agricoltori Italiani, sono più di 10 mila gli agricoltori che in tutta la penisola vendono i propri prodotti in spacci aziendali o mercatini rionali, locali e cittadini, proponendo oltre 4 mila specialità tipiche, molte delle quali di solito acquistabili solo nei territori di origine e ora in “mostra” in occasione de “La Repubblica dei Contadini”. Sempre di più sono, le famiglie che scelgono i mercati contadini allestiti dagli agricoltori (più 10% nell’ultimo anno). Cia stima che un italiano su quattro, ogni anno, acquisti almeno una volta direttamente dal produttore. In Italia, secondo un’analisi di Cia-Agricoltori Italiani, il movimento alimentato dalla vendita agricola diretta, ammonta a circa un miliardo di euro l’anno.

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *