Prima Pagina>Economia>Arredo3 punta diritta alla Cina e porta la qualità del Made in Italy
Economia

Arredo3 punta diritta alla Cina e porta la qualità del Made in Italy

L’azienda di Scorzè (Venezia) è stata presente alla fiera di Shanghai per proporre le sue novità. L’obiettivo è espandersi nel paese più popoloso al mondo e consolidare il mercato in quell’area

L’Oriente è sempre più vicino per Arredo3 e nei giorni scorsi è stata a Shanghai, una delle metropoli asiatiche più dinamiche e attente al design internazionale, in occasione della Fiera Kitchen and Bathroom. Un appuntamento che si rinnova dopo la fortunata partecipazione dell’anno scorso, in un contesto nel quale l’azienda di Scorzè sta raccogliendo consensi sempre più estesi.

Il mercato cinese sta diventando una pedina chiave nello scacchiere internazionale per le aziende italiane che decidono di affacciarsi sull’estero e Arredo3 ha deciso di entrarvi tenendo fede alla concretezza che la contraddistingue. È del 2011 la prima importante fornitura, con la quale ha arredato i palazzi del centro del Golf Club Warner Garden di Tianjin: da quel momento ha preso avvio l’espansione del marchio sul vasto territorio asiatico, che ha visto un’accelerazione nel 2016, con l’arrivo di un nuovo agente che ora rappresenta l’azienda in Cina e Hong Kong e che ha le idee chiare sull’obiettivo da raggiungere: «Sogniamo di mettere una cucina Arredo3, in ogni singola casa cinese. Nessuno ci vieta di provare!». Oggi Arredo3 e presente in Cina con quindici negozi monomarca e le sue cucine saranno addirittura visibili in tv, all’interno dell’edizione cinese di un importante celebrity cooking show. Una rete, dunque, già molto ramificata, nata a partire da strategie condivise tra l’azienda e i suoi agenti, con i quali c’è un dialogo continuo.

Ad affascinare il pubblico asiatico sono state in un primo momento le cucine classiche, alle quali si sono affiancate poi le proposte di taglio moderno. Fin dall’inizio a fare la differenza è stata la qualità delle cucine componibili Arredo3, interamente realizzate in Italia e particolarmente apprezzate da quella classe medio-alta che si è di recente affermata, acquisendo un maggiore potere d’acquisto e avvicinandosi sempre di più al tanto desiderato Made in Italy.

All’interno di uno stand di 180 metri quadrati, il pubblico della fiera ha potuto toccare con mano le cucine Arredo3, a partire dalle più recenti collezioni con Aria in versione bianco maxximatt e pietra bianca, Zetasei in laccato, Time in laccato grigio e Kalì in eucalipto noce, per poi arrivare a Cloe nell’inedita finitura grigio fumo e Meg, collezione totalmente nuova, in laccato bianco opaco.

Già presente in più di quarantasette paesi nel mondo, Arredo3 si avvia alla conquista del mercato estero, puntando al consolidamento in quei contesti, come quello cinese, dove il proprio prodotto è ampiamente ricercato per la sua l’italianità e per la competitività del rapporto qualità-prezzo. I risultati conseguiti finora in Cina, dei quali la partecipazione alla fiera di Shanghai arriva a coronamento, danno la percezione di quanto il prodotto dell’azienda abbia saputo incontrare il gusto di una clientela internazionale, aprendo delle interessanti prospettive per la crescita dell’export in tutto l’Oriente.

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *