Prima Pagina>Economia>Assobibe: sugar tax solo per fare cassa, 5mila posti di lavoro a rischio
Economia

Assobibe: sugar tax solo per fare cassa, 5mila posti di lavoro a rischio

la protesta

Chinotti, spume, aranciate sotto la lente della sugar tax, contenuta nella manovra. La manovra introduce la sugar tax: nei prossimi 27 mesi sono previste entrate per 58,8 milioni nel 2020, 261,8 milioni nel 2021 e 256 milioni l’anno successivo

17 dicembre 2019

Advertisements

La manovra non cambia più: ecco tutte le novità

2′ di lettura

Chinotti, spume, aranciate sotto la

Advertisements
lente della sugar tax, contenuta nella manovra. Protestano le imprese iscritte ad Assobibe, l’associazione di Confindustria delle imprese che producono e vendono bevande analcoliche in Italia, per questa nuova tassa che vale 568 milioni in 27 mesi e mette a rischio, secondo l’associazione, 5mila posti di lavoro.

«L’obiettivo è fare cassa»: ecco quanto rende la misura
La manovra introduce la sugar tax: nei prossimi 27 mesi sono previste entrate per 58,8 milioni nel 2020, 261,8 milioni nel 2021 e 256 milioni l’anno successivo. Dopo molte polemiche l’entrata in vigore della norma è slittata al luglio 2020, ma secondo Assobibe a regime aumenterà del 28% la pressione fiscale media su un litro di prodotto, cifra che si sommerà al 22% di Iva. «L’obiettivo è fare cassa», sottolinea Assobibe.

Revisione di piani di investimento e livelli di occupazione
«La plastic tax invece è stata ridotta ma l’importo fissato rappresenta comunque un aumento del 60% del costo di approvvigionamento della plastica, con effetti pesanti sui bilanci dei produttori già gravati della nuova sugar tax». Secondo Assobibe «è evidente che si dovranno fare scelte e revisioni sui piani di investimenti e livelli di occupazione anche alla luce degli effetti di queste nuove misure. Sono a rischio 5mila posti di lavoro nella filiera, di cui oltre 1.500 della filiera a monte (fornitori di materie prime agricole, macchinari, ingredienti) e oltre 2miladella filiera a valle (commercio, trasporti).

La norma tassa il prodotto, non lo zucchero
«Effetti disarmanti – sottolinea David Dabiankov, direttore generale di Assobibe – per un segmento già in calo da anni. Attendiamo il parere del Garante per la concorrenza e il mercato e una convocazione dalla Presidenza del Consiglio che sino a oggi non è ancora pervenuta». Dabiankov ha ricordato che « la norma tassa il prodotto, non lo zucchero, e coinvolge anche le bevande sugar free. La legge non dà indirizzi su cosa produrre e quindi la conseguenza è chiudere gli stabilimenti. Ci chiediamo a questo punto se il Governo voglia favorire in Italia solo la vendita di prodotti fatti all’estero. Per aziende e lavoratori del settore un bel regalo di Natale: un futuro pieno di incertezze».

Per approfondire
Manovra, Conte: accordo nella maggioranza. Plastic tax ridotta dell’85% da luglio e sugar tax da ottobre
Manovra: su plastica e auto aziendali stretta più soft. Robin tax del 3% sulle concessioni. Stangata sui carburanti nel 2021

Fonte

Rispondi