Prima Pagina>Economia>Catalfo, stop 3 anni contributi a chi assume disoccupate
Economia

Catalfo, stop 3 anni contributi a chi assume disoccupate

(ANSA) – ROMA, 23 OTT – Nella legge di Bilancio “prevederemo
una decontribuzione al 100% per tre anni per chi assume donne
disoccupate al Sud e per coloro che assumono lavoratrici
disoccupate da almeno 24 mesi su tutto il territorio nazionale”.
    E’ quanto ha spiegato la ministra del Lavoro Nunzia Catalfo, intervenendo al confronto sull’ inclusione femminile che andrà
in onda stasera su Sky tg 24

Advertisements
con la presentazione del manifesto
di Valore D.
    “Per favorire l’occupazione femminile e rilanciare il Pil –
ha detto la ministra – puntiamo su una serie di azioni da
finanziare con le risorse del Recovery Fund, fra cui il
potenziamento dei servizi per l’infanzia per la conciliazione
dei tempi , la creazione di percorsi formativi fondati con
particolare riguardo alle discipline Stem, il rafforzamento
degli strumenti di trasparenza retributiva per eliminare il
gender pay gap .
    Se il tasso di occupazione femminile in Italia fosse uguale a
quello maschile il Pil del nostro paese sarebbe di 88 miliardi
in più. E’ questo uno dei dati emersi durante il dibattito
televisivo in onda stasera su Sky tg24 nel corso del quale
Valore D ha presentato il suo manifesto al quale aderiscono 150
aziende, per esortare imprese e istituzioni alla parita’ di
genere subito. Anche perchè, si sottolinea, la lotta contro i
divari si fa ancora più urgente alla luce della pandemia e
dell’emergenza economica, due fenomeni che svantaggiano
ulteriormente le donne dal punto di vista dell’occupazione e
della qualità della vita: 1 donna su 3 ha “subito” gli effetti
negativi dello smartworking per mancanza di equilibrio tra
lavoro e vita domestica e già in situazioni normali dedica 21
ore più degli uomini alla cura della famiglia .Non solo. La
mancanza di una struttura di welfare adeguata fa sì che in
Italia gli asili nido ospitino solo il 24,7% dei bambini con
meno di 3 anni (al di sotto dell’obiettivo europeo di
raggiungere la soglia del 33% entro il 2010) con un ulteriore
aggravio del carico sulle donne. (ANSA).
   

Fonte Ansa.it

Advertisements

Rispondi