Prima Pagina>Economia>Con Hubble sono nate 12 start up e 40 posti di lavoro 
Economia

Con Hubble sono nate 12 start up e 40 posti di lavoro 

Primo bilancio del programma di accelerazione di imprese innovative finanziato da Fondazione CR Firenze e realizzato da Nana bianca con la Fondazione per la ricerca e l’innovazione dell’Università degli studi del capoluogo toscano

Firenze – Ha creato in un anno oltre 40 posti di lavoro, ha permesso la nascita di 12 start up e ha formato ben 28 nuovi imprenditori il programma di accelerazione Hubble finanziato da Fondazione CR Firenze e realizzato da Nana bianca con Fondazione per la ricerca e l’innovazione dell’Università degli studi del capoluogo toscano. Complessivamente il capitale messo a disposizione per il programma (500 mila euro) ha generato investimenti per altri 600 mila e le imprese hanno ricevuto un ulteriore investment commitment per ulteriori 500 mila euro sui prossimi round di investimento.

Questo parametro conferma la qualità delle aziende formate e la validazione da parte di investitori terzi dei modelli di business. Le start up, selezionate attraverso una apposita call, ricevono un finanziamento di 50 mila euro per sostenere la propria crescita sul mercato. Sono previste 16 settimane di lavoro fianco a fianco per un percorso di duro e puro venture building presso le strutture di Nana bianca a Firenze. Ogni team conta su una mentorship internazionale di alto profilo, un mix bilanciato di sessioni di formazione su 4 moduli, dal product development al go to market ed il meglio dei servizi digitali per lo sviluppo del business.

Oltre 30 imprenditori, manager e professionisti del mondo digitale provenienti da realtà come Amazon, Google, Uber, MusixMatch sono stati coinvolti per lo screening e successivamente per la mentorship delle start up selezionate. Tra questi Benedetta Arese Lucini, ex general manager di Uber Italia e consulente per il ministero dello Sviluppo economico su innovazione, start up e venture capital; Igor Pezzilli, da poco partner presso Milano Investment Partners, è co-fondatore di Lazada dove diventa ceo nel 2012; Giulio Xiloyannis, managing director di Zalora Malaysia, il più grande rivenditore on line in Malesia.

“Un programma di accelerazione, serio, concreto e ben strutturato – afferma Alessandro Sordi, ceo & founder di Nana bianca – è in grado di generare nuove imprese e nuovi imprenditori, il cui valore per l’economia di un Paese e di un territorio, non è solo nei risultati che queste aziende potranno raggiungere, ma è piuttosto nella contaminazione e rinnovamento di un tessuto imprenditoriale che necessita di giovani talenti in grado di avviare nuove imprese ad alto contenuto tecnologico al pari di altri Paesi e dove le start up sono ingrediente fondamentale per il rinnovamento del tessuto industriale di un territorio”. 

“Con la nostra Fondazione – dichiara Gabriele Gori, Direttore generale della Fondazione Cr Firenze – siamo da anni impegnati in programmi e progetti che hanno l’obiettivo di creare lavoro, promuovere lo sviluppo economico del territorio e, soprattutto, incentivare la cultura dell’intraprendenza dei giovani toscani. Il programma Hubble si inserisce perfettamente in queste finalità proponendo un percorso formativo intensivo e di alto valore che attira a Firenze giovani neoimprenditori da tutta Europa. Lungo il percorso, le idee migliori, selezionate da una commissione di esperti, diventano start up e vengono lanciate nel mercato non prima di aver fornito ai giovani imprenditori tutti gli strumenti possibili per far crescere e maturare la propria start up“.

Rispondi