Prima Pagina>Economia>Con il Piano Export Sud II 50 milioni alle micro imprese del Sud Italia
Economia

Con il Piano Export Sud II 50 milioni alle micro imprese del Sud Italia

Vale 50 milioni di euro e riguarda le regioni Calabria, Campania, Puglia, Basilicata, Sicilia e Abruzzo, Molise, Sardegna. È il nuovo Piano Export Sud II (Pes II) che si rivolge alle imprese micro, piccole e medie che esportano

Vale 50 milioni di euro e riguarda le regioni Calabria, Campania, Puglia, Basilicata, Sicilia e Abruzzo, Molise, Sardegna. È il nuovo Piano Export Sud II (Pes II) che si rivolge alle imprese micro, piccole e medie con due obiettivi: trasformare le aziende potenzialmente esportatrici in esportatori abituali e incrementare la quota export delle regioni del Mezzogiorno sul totale nazionale.

Le prossime iniziative in programma sono state presentate oggi nel padiglione Internazionalizzazione dall’ Ice – Agenzia per la promozione all’estero e l’internazionalizzazione delle imprese italiane, che coordina il Piano per conto del Governo.

Il piano – è stato spiegato durante l’incontro da Luigi Raffone dell’Ufficio Coordinamento Marketing Ice – prevede iniziative di promozione internazionale e formazione a favore di micro, piccole e medie imprese, startup, consorzi, reti di impresa, parchi tecnologici, centri universitari e incubatori. I principali mercati esteri di riferimento individuati per le attività sono UE, Russia e Balcani, Cina e Giappone, Usa e Canada.

Il Pes II prevede 4 Programmi Operativi Annuali. Il programma 2018-2019 riguarda la seconda annualità. Sono previsti eventi di formazione e di promozione.

Gli eventi di formazione si declinano in Ice Export Lab, Corsi su proprietà intellettuale e innovazione e Seminari tecnico-formativi. Gli eventi promozione consistono in Fiere internazionali, Azioni di incoming, Azioni sulla rete d’intermediazione commerciale e Grande distribuzione organizzata, Eventi di partenariato internazionale.

“Sui mercati esteri – ha commentato il vicepresidente e assessore allo Sviluppo economico Antonio Nunziante – non si può improvvisare. Occorrono conoscenze e competenze. Per questo nel nostro padiglione abbiamo voluto i desk di tutti gli enti strumentali che si occupano di internazionalizzazione e attrazione investimenti, oltre all’Agenzia Ice, ci sono anche Sace e Simest, Società del gruppo Cassa Depositi e Prestiti che si occupano di assicurazione e finanziamenti per l’internazionalizzazione e Puglia Sviluppo, Società in house della Regione Puglia, che gestisce le agevolazioni regionali a favore degli investimenti produttivi. Invitiamo le imprese ad approfittare di questi servizi per posizionarsi o riposizionarsi sui mercati internazionali”.

Durante il seminario sono stati anche illustrati servizi e le attività di carattere consulenziale, formativo e informativo promozionale dell’Agenzia Ice, finalizzati ad orientare e sostenere le imprese interessate a operare nei mercati internazionali”.

Bari fiera del Levante

 

82esima edizione fiera del levante

 

Rispondi