Prima Pagina>Economia>Coronavirus, bollette: ecco quando rinnovare i bonus e come fare a richiederli
Economia

Coronavirus, bollette: ecco quando rinnovare i bonus e come fare a richiederli

 
– Come si fa a richiedere il bonus sociale?

La domanda va presentata presso il Comune di residenza o un altro ente designato dal Comune (Caf, Comunità montane) utilizzando i moduli appositi. Con un singolo modulo si fa richiesta di accesso a tutti i bonus previsti.  Anche i titolari di reddito o pensione di cittadinanza devono presentare la domanda con le stesse

Advertisements
modalità degli altri soggetti. Per depositare la richiesta sono necessari un documento d’identità (o l’eventuale delega), l’attestazione dell’Isee in corso di validità e due moduli, disponibili entrambi sul sito dell’Autorità che servono a fotografare la situazione economica familiare e a recuperare le informazioni relative alla propria fornitura (reperibili in bolletta o nel contratto stipulato con l’operatore di energia). I titolari di reddito o pensione di cittadinanza dovranno indicare anche il numero di protocollo o comunque l’attestazione utile a documentare la titolarità del beneficio.

– Quanto vale lo sconto nella bolletta della luce?
Il valore dello sconto nella bolletta elettrica dipende dal numero di componenti della famiglia ed è aggiornato annualmente. Per il 2020, lo sconto è il seguente: 125 euro per nuclei familiari di 1-2 componenti; 148 euro per 3-4 componenti; 173 euro per famiglie oltre i 4 componenti. Il bonus elettrico viene scontato direttamente sulla bolletta, non in un’unica soluzione, ma suddiviso nelle diverse bollette corrispondenti ai consumi dei 12 mesi successivi alla presentazione della domanda. Ogni bolletta riporta una parte del bonus proporzionale al periodo al quale fa riferimento la bolletta. Quando si ottiene il bonus, si riceve un’apposita comunicazione nella bolletta e, durante l’erogazione, sono evidenziati sotto la dicitura “totale servizi di rete-quota fissa”, sia l’avvenuta ammissione alla compensazione sia il dettaglio dell’importo collegato al bonus.

Advertisements

 – Qual è l’ammontare del bonus gas?
Anche lo sconto per la bolletta gas varia, ma la differenziazione è collegata alla categoria d’uso associata alla fornitura, alla zona climatica d’appartenenza del punto di fornitura e al numero dei componenti della famiglia. Per conoscere l’importo esatto, è possibile consultare il sito dell’Autorità (www.arera.it). Per il 2020, si va dai 32 euro per famiglie fino a 4 componenti a prescindere dalla zona climatica solo per acqua salda sanitaria e/o uso cottura a importi differenziati, sempre per lo stesso nucleo familiare, se si considera però anche l’uso per il riscaldamento: in questo caso, infatti, si va da 72 euro (per la zona climatica A/B) ai 183 euro per la zona climatica F.

– L’agevolazione sul gas aumenta per le famiglie più numerose?
Se la famiglia supera i 4 componenti, l’asticella sale a 49 euro solo per acqua calda sanitaria e/o uso cottura, se si include anche il riscaldamento, invece, l’importo cambia. L’erogazione dello sconto sulla bolletta gas non avviene inun’unica soluzione come per il bonus elettrico e varia a seconda del tipo di clienti: per i diretti (impianto individuale), l’importo è spalmato nelle bollette corrispondenti ai consumi dei 12 mesi successivi alla presentazione della domanda; per gli indiretti (impianto centralizzato) , avviene tramite un bonifico domiciliato in un’unica soluzione.

 

 

 

Fonte

Rispondi