Prima Pagina>Economia>Cosa aspettarsi dalla trimestrale di Apple. Cinque punti chiave
Economia

Cosa aspettarsi dalla trimestrale di Apple. Cinque punti chiave

Cosa aspettarsi dalla trimestrale di Apple. Cinque punti chiave

Apple diffonderà i dati sul trimestre ottobre-dicembre questa sera, 29 gennaio ore 23 italiane. Dopo la lettera del 2 gennaio in cui Tim Cook annunciava i dati preliminari e una correzione al ribasso del fatturato, si sa già che non è stato un periodo brillante: gli incassi erano previsto tra gli 89 e i 93 miliardi di dollari (stime che erano già state giudicate tiepide) e saranno attorno agli 84 miliardi. Con margini e utili che invece non dovrebbero assottigliarsi. Si sa quindi molto, ma restano ancora diversi punti da guardare. Ecco quali.

Niente unità vendute

Lo scorso novembre, Apple ha annunciato che, dal 2019, non avrebbe diffuso il numero di unità vendute di alcun dispositivo. Si limiterà a fornire il fatturato prodotto da ogni famiglia (iPhone, iPad, Mac). Questa scelta, poco apprezzata dai mercati al suo annuncio, punta a concentrare l’attenzione sul dato migliore (quanto incassa Apple) distogliendola dal numero di dispositivi venduti (che cala).

Non ci sarà modo, però, di individuare un’altra informazione che – nell’ultimo anno – è stato un punto a favore di Cupertino: la spesa media per ogni iPhone, in crescita continua. Senza questo riferimento, sarà sezionata ogni dichiarazione di Cook e del cfo Luca Maestri per tentare di capire le performance dei diversi modelli. In ogni caso, ci saranno minori certezze. È da capire se l’opacità favorirà o penalizzerà Apple.

Le stime del 2019

Si sa già che gli ultimi tre mesi del 2018 sono stati negativi. Serve adesso capire se Apple si aspetta di marciare a rilento anche nel 2019 o se intravede qualche timido segnale di ripresa. Ecco perché sarà particolarmente importante il dato sulle stime del trimestre in corso. Il riferimento da prendere in considerazione è 61,1 miliardi di dollari, il fatturato registrato tra gennaio e marzo 2018. Andare sotto o rimanere lontani da questa cifra non sarebbe certo un bel segnale. Le aspettative diranno anche se la Mela si aspetta un (improbabile) ripresa in Cina e in altri mercati in via di sviluppo, una tenuta o un ulteriore deterioramento.

Cosa aspettarsi dalla trimestrale di Apple. Cinque punti chiave

campus 2 apple a cupertino 

Una Apple con meno iPhone

Le stime sul trimestre in corso sono importanti anche per un’altra ragione. Vista la stagionalità del mercato degli iPhone, il periodo segue l’abbuffata di Natale ed è tradizionalmente debole per gli smartphone. Gli iPhone hanno quindi un peso minore sul totale del fatturato: nello stesso periodo del 2018, poco più del 60% contro quasi il 70% del trimestre precedente. Sarà quindi una sorta di test per capire quanto i servizi (che invece non hanno stagionalità) possano ammortizzare il bilancio in uno scenario nel quale gli iPhone continuino a soffrire.

La maturità dei servizi

La performance dei servizi sarà l’altro dato da cerchiare in rosso. Essendo, al momento, l’unico strumento per dare equilibrio al bilancio, non dovranno solo crescere (come è certo): dovranno dimostrare di non rallentare. Conteranno quindi le vendite, ma anche il ritmo con cui progrediscono, che non dovrà essere inferiore ai periodi precedenti. Tra luglio e settembre, i servizi sono cresciuti del 17% anno su anno. Apple si aspetta un progresso anno su anno del 28%. Da guardare è anche il riferimento al trimestre precedente (+5% tra luglio e settembre), perché, non essendo i servizi soggetti a picchi stagionali, anche il confronto nel brevissimo periodo ha un peso.

Indizi su prodotti e servizi

Come ogni compagnia, Apple proverà a sottolineare i punti forti. E tra questi ci saranno proprio i servizi. Cook potrebbe quindi svelare qualche cifra (ad esempio su Apple Pay). Oppure, vista una sua recente intervista in cui anticipava che nel 2019 sarebbe stato lanciato “più di un nuovo servizio”, potrebbe dare qualche indizio: si parla di un concorrenti di Netflix, di funzioni per la salute e di una piattaforma di videogiochi in streaming. Sempre con l’obiettivo di valorizzare il valorizzabile, da Cupertino potrebbero arrivare indicazioni sulla voce che a bilancio è definita “Altri prodotti”: si attende una decisa crescita da Apple Watch, Apple tv, HomePod e AirPods.

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it.

Se invece volete rivelare informazioni su questa o altre storie, potete scriverci su Italialeaks, piattaforma progettata per contattare la nostra redazione in modo completamente anonimo.

Rispondi