Prima Pagina>Economia>Dagli enti locali alla scuola, pressing per un nuovo extra-deficit da almeno 8-10 miliardi. Conte: è possibile
Economia

Dagli enti locali alla scuola, pressing per un nuovo extra-deficit da almeno 8-10 miliardi. Conte: è possibile

Pressing M5s

M5s preme. «Un nuovo scostamento di bilancio che vada verso i 10 miliardi? So che il governo sta lavorando in questa direzione – ha detto il capo politico Vito Crimi -: il Movimento 5 Stelle considera favorevolmente un intervento di questa entità. Del resto stiamo attraversando una fase estremamente delicata per la nostra economia e abbiamo bisogno di liquidità, adesso. Risorse da destinare in primis a

Advertisements
scuola, comuni, pmi».

Advertisements

Dl Rilancio, Melilli(relatore del Pd): serve nuovo deficit

«Questi giorni di ascolto delle categorie ci hanno fatto comprendere i bisogni reali – ha spiegato Fabio Melilli, deputato Pd e uno dei relatori al dl Rilancio, che si è detto convinto dell’importanza di rilanciare i consumi -. Credo sia opportuno che il governo rifletta su un ulteriore scostamento del bilancio. I temi della sostenibilità del debito toccano al governo ma credo che alcune risposte mirate vadano al di là della disponibilità del Parlamento. Fino ad ora sono state date risposte importanti ma dal turismo all’automotive senza dimenticare il tema del lavoro e degli enti locali sia necessario dare ulteriori risposte».

Ma la richiesta di un nuovo scostamento di bilancio è sostenuta anche dall’opposizione. «Senza ulteriori risorse i bilanci dei comuni salteranno e in questo caso a pagarne le conseguenze saranno i cittadini con un aumento delle tasse locali. Lo stanziamento previsto di 3,5 miliardi ed è necessario che sia portato a 8,2 miliardi – ha affermato il senatore di FI Maurizio Gasparri -. È una cifra ingente ma sapete che lo scostamento di bilancio è stato deciso con i voti determinanti delle opposizioni e di FI e noi vogliamo partecipare alla destinazione di questi fondi».

Gran parte delle risorse del Recovery Fund solo nel 2021

La gran parte delle risorse del Recovery Fund (i 172,7 miliardi che la Commissione europea ha previsto per l’Italia), su cui Conte dovrà ancora duramente trattare in Europa in vista del Consiglio europeo del 19 giugno, è destinato ad arrivare nel 2021. Questo scenario complica l’iter delle misure di rilancio ed è poco in linea con lo stato di salute di alcuni comparti, che rivendicano nuove risorse a breve per arginare una crisi che morde già da tempo. Si delinea dunque tra le ipotesi la necessità di fare nuovo deficit o anche di ricorrere al Mes per fare fronte alle misure più urgenti, a cominciare da quelle per rafforzare il sistema sanitario .

Visco: no rischi in utilizzo Mes ma non è una manna

«Se c’è bisogno, non vedo rischi nell’utilizzo» del meccanismo europeo di stabilità (Mes) «ma non dovremmo considerarlo come una manna», ha detto il governatore della Banca d’Italia Ignazio Visco intervistato da Bloomberg in merito all’eventuale utilizzo da parte dell’Italia del Fondo salva stati. «Io credo che questi fondi sono senza condizioni – ha aggiunto -, è chiaro che debbano essere utilizzati per alcune particolari ragioni, questo è l’unico requisito”» Si tratta, ha concluso Visco, comunque di prestiti contratti «non verso il mercato ma verso l’Europa ma appunto sono prestiti» a condizioni comunque vantaggiose.

Fonte

Rispondi