Prima Pagina>Economia>Dalla rottamazione auto al bonus vacanze, le modifiche in pista sul decreto rilancio
Economia

Dalla rottamazione auto al bonus vacanze, le modifiche in pista sul decreto rilancio

IN PARLAMENTO

Dal governo disponibilità all’estensione dell’ecobonus del 110% per l’efficientamento energetico e le misure antisismiche anche a seconde case e alberghi fino al 2022

Dl rilancio, Patuanelli: superbonus vera norma rilancio economico

Dal governo disponibilità all’estensione dell’ecobonus del 110% per l’efficientamento energetico e le misure antisismiche anche a seconde case e alberghi fino al 2022

6 giugno 2020

Advertisements

3′ di lettura

Il governo con il sottosegretario Riccardo Fraccaro ha dato un primo via libera agli emendamenti al decreto Rilancio che estendono il superecobonus del 110% per l’efficientamento energetico e le misure antisismiche anche a seconde case e alberghi fino al 2022. La proposta di modifica, sosteuta da tutte le forze di maggioranza e che dovrà passare il vaglio delle coperture, è una delle circa 10mila sul cammino parlamentare di quella che di fatto è una manovra (266 articoli) pensata dal governo per arginare gli effetti della crisi provocata dalla pandemia da Covid-19.

La prima selezione della mole di emendamenti al decreto arriverà martedì: i partiti avranno tempo fino al 9 mattina per indicare i cosidetti “segnalati”, vale a dire le proposte sulle quali si vuole che effettivamente si passi al voto in commissione Bilancio. Il tetto, data la mole del provvedimento e delle richieste di modifica, è stato fissato a 1.200 emendamenti. Le risorse per le modifiche sono limitate ad appena 800 milioni, divisi tra Camera e Senato.

Leggi anche

Rottamazione auto

Tra le proposte di modifica c’è anche quella del Pd (sostenuta da Iv e Leu) che prevede incentivi fino a 4mila euro nel 2020 per l’acquisto di vetture Euro 6, con emissioni di CO2 superiori a 61 grammi al chilometro, a fronte della rottamazione di un veicolo di almeno 10 anni. Un intervento pensato pensato per aiutare gli autosaloni a smaltire gli stock invenduti. Sul tema però non c’è sintonia nella maggioranza. Il M5S fa muro con i suoi parlamentari contrari a qualsiasi tipo di incentivo che non sia per le ecologiche ibride ed elettriche. La pattuglia di governo del Movimento, però, è più possibilista, a partire dal ministro dello Sviluppo economico, Stefano Patuanelli. La chiave per uscire dall’impasse potrebbe stare in alcuni emendamenti bipartisan presentati da Lega, Fdi e Fi, ma anche da Iv e da qualche deputato M5S, che puntano ad ampliare l’attuale ecobonus per ibride ed elettriche, modulando lo sconto in base alle emissioni.

Bonus vacanze

Numerosi anche gli emendamenti al che chiedono di rivedere il tax credit per il turismo. Le proposte firmate da deputati di maggioranza e opposizione, separatamente, puntano ad alzare in alcuni casi fino a mille euro il bonus per il nucleo familiare e anche a cancellare il tetto Isee di 40mila euro. Attualmente la norma prevede un un massimo 500 euro a famiglia, utilizzabile da un solo componente.

Sia Italia viva, sia la Lega (i partiti che intervengono di più su questo fronte, anche se ci sono emendamenti di alcuni parlamentari 5S così come di Fi) chiedono di rivedere la soglia alzandola. Il ventaglio è ampio: in alcuni casi l’asticella viene alzata di poco (600 euro), mentre in altri si arriva a quota 800 euro o addirittura mille euro. Idem per quanto riguarda il tetto Isee: i deputati puntano a cancellare il vincolo o almeno ad alzarlo, portandolo a 50 o 60mila euro.

Fonte

Rispondi