Prima Pagina>Economia>Gualtieri: «La plastic tax sarà rivista». Bonus verde verso la conferma
Economia

Gualtieri: «La plastic tax sarà rivista». Bonus verde verso la conferma

MANOVRA 2020

Il ministro dell’Economia: «Il gettito sarà significativamente ridotto». Anche per il 2020 sconto al 36% (fino a massimo 3mila euro) per le spese per risistemare o attrezzare giardini e terrazzi

23 novembre 2019

Advertisements

Decreto fiscale: bonus per le ripetizioni private con Isee sotto i 50mila euro

3′ di lettura

La «plastic tax» cambierà. La conferma arriva direttamente dal ministro dell’Economia Roberto Gualtieri. La versione inserita nel ddl bilancio, ha spiegato, «è un effetto ottico. La misura sarà profondamente rivista con un emendamento del governo che sarà formalizzato la prossima settimana». La proposta, ha aggiunto il titolare di via XX Settembre che partecipa alla festa del Foglio a Firenze, «sarà frutto del confronto con le categorie interessate e per effetto della “calibrazione” il gettito sarà significativamente ridotto e la modulazione sarà collegata a incentivare il riciclo e l’innovazione tecnologica».

Gualtieri: su lotta evasione risultati oltre attese
Il ministro ha riconosciuto che «ci sono cose da limare ma sarà una manovra molto efficace che riduce la pressione fiscale, e tutto questo senza interventi distruttivi su welfare, sanità e scuola che invece vengono
rilanciate con politiche nuove importanti. Per la prima volta
aumentiamo gli investimenti». Gualtieri si è anche dichiarato ottimista sull’andamento dell’economia italiana: «Sono fiducioso che la crescita in
Italia ripartirà. La nostra previsione prudente» del Pil «per l’anno prossimo è destinata ad essere realizzata e anche superata». Il ministro ha parlato anche di evasione fiscale: «Ci sono 109 miliardi l’anno evasi – ha detto – e si deve affrontare questo problema: lo stiamo facendo in modo determinato e i risultati saranno superiori ai numeri che abbiamo messo in manovra».

Verso la conferma nel 2020 per il «bonus verde»
Dovrebbe essere confermato per il 2020 il “bonus verde”, cioè lo sconto al 36% fino a massimo 3mila euro per le spese sostenute per risistemare o attrezzare giardini e terrazzi. A chiederlo ci sono già diversi emendamenti dei gruppi al ddl bilancio al Senato (tra cui Pd, Leu e M5S che hanno segnalato le proposte di modifica alla commissione Bilancio). Il tema è stato oggetto anche della riunione di venerdì con i capidelegazione dei partiti sulle proposte ministeriali (ridotte al momento a una sessantina alle duecento iniziali), tra cui compare appunto anche il bonus verde.

Famiglia: più posti per gli asili nido
Nel pacchetto ministeriale c’è anche una proposta per ristrutturare e riqualificare scuole d’infanzia parzialmente inutilizzate da trasformare in asili nido. Un tema già presente nella legge di Bilancio che prevede un fondo pluriennale: 2,5 miliardi tra il 2021 e il 2034 per la costruzione di nuovi asili per la fascia 0-2 anni e per la ristrutturazione di spazi comunali.

Sul tema famiglia ci sono poi diversi emendamenti “segnalati” dai gruppi. Pd e M5S si concentrano sul congedo per i papà (da portare a 10-11 giorni e da concedere anche agli statali); Italia Viva chiede l’aumento delle risorse per le adozioni internazionali mentre Leu punta a una nuova detrazione per chi iscrive i figli a corsi di musica o canto. I 5S chiedono risorse per il sostegno psicologico dei figli adottati, un fondo ad hoc per le famiglie di un solo genitore e di estendere il vitalizio per le vittime del terrorismo alle vittime del dovere.

Fonte

Rispondi