Prima Pagina>Economia>Il ministro Tria esclude che ci possa essere una manovra correttiva dei conti pubblici
Economia

Il ministro Tria esclude che ci possa essere una manovra correttiva dei conti pubblici

manovra tria

“Nessuno ci sta chiedendo una manovra correttiva, quindi la escludo”, ha detto il ministro dell’Economia, Giovanni Tria in occasione della giornata conclusiva del Festival nazionale dell’economia civile, in corso a Firenze.”Non c’è stabilità finanziaria senza stabilità sociale”. 

“Nel Paese – ha aggiunto – oggi c’è voglia di fare, c’è voglia di non piangersi addosso. Si è legiferato soprattutto per contrastare le patologie ma non per la fisiologia del sistema. Bisogna lavorare – ha concluso il Ministro – per la normale fisiologia”. 

Sulla crescita. “Siamo davanti ad un rallentamento della crescita in tutta Europa e in Italia, nel 2019, si avvia verso lo zero”. “Si è fermata la Germania e, di conseguenza, si è fermata anche la parte più produttiva dell’Italia – ha proseguito Tria. – Ora siccome l’Italia da anni cresce un punto in meno degli altri paesi europei noi ci avviamo verso lo zero”.

Sui cantieri. “In questi giorni approveremo i decreti sblocca cantieri e poi le misure necessarie per contrastare la stagnazione, spero che lo sblocca cantieri venga approvato subito, anche prima dell’approvazione del Def”.

Sulle banche. “Attaccare il sistema bancario italiano, che è privato e si muove in base a criteri economici, e non solo mettere in dubbio la sua solidità e la sua resilienza a momenti difficili e ponendo sospetto su questo, significa avallare campagne europee che ci stanno mettendo in difficoltà e minare l’interesse nazionale nel momento in cui stiamo negoziando come arrivare all’unione bancaria”. 

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it.
Se invece volete rivelare informazioni su questa o altre storie, potete scriverci su Italialeaks, piattaforma progettata per contattare la nostra redazione in modo completamente anonimo.

Rispondi