Prima Pagina>Economia>Joseph Stiglitz, Premio Nobel per l’economia, consiglia all’Italia di uscire dall’euro
Economia

Joseph Stiglitz, Premio Nobel per l’economia, consiglia all’Italia di uscire dall’euro

C’è il rischio che l’Italia debba pagare molto caro un prossimo eventuale fallimento della Deutsche Bank. L’Italia resta un paese economicamente sano, e potrebbe rinascere dalle ceneri dell’Unione europea

Da Politico Magazine

Di fronte all’ostinazione tedesca di non riformare l’euro, l’Italia  ha la possibilità di fare una scelta diversa dalla Grecia. I benefici per l’Italia di abbandonare l’euro sono chiari, diretti e considerevoli”.

“Il cambio basso consentirà all’Italia di esportare di più. I consumatori adotteranno beni fatti in Italia invece di beni importati. I turisti troveranno il Paese ancora più attraente, per i suoi prezzi bassi. Tutto ciò stimolerà la domanda e accrescerà gli introiti dello Stato. La crescita prenderà piede, e con essa l’alto livello di disoccupazione (11,3%, quella giovanile al 33,1%) scenderà”.

Lo strumento più efficace, secondo Stiglitz, per consentire comunque di pagare tasse e mutui, sarebbero poi titoli di debito pubblico, o “script”. Questi, equivalendo a una svalutazione, faranno recuperare all’Italia una propria politica monetaria. “La creazione di una moneta informale“ dice l’economista “sarà accolta da urli e strilli da parte degli altri membri della zona euro.  A questo punto, l’Italia lascerà agli altri membri dell’eurozona di espellerla”.

Insomma, un perfetto “Piano B” alla Paolo Savona, aggiornato. Questo mentre pare che la Deutsche Bank abbia i giorni contati e, naturalmente, siano pronti salvataggi di matrice tedesca, con totale avallo europeo, per far pagare caro anche all’Italia questo fallimento.

Resta indubbio, secondo il chief investment officer Manish Singh (già  UBS e Societé Générale) che:

1 Gli italiani hanno una ricchezza finanziaria pro capite superiore ai tedeschi

2  Abbiamo un trilione di euro in conti  bancari e 3 trilioni in attivi liquidi

3  L’Italia ha un attivo primario di  2,6% del Pil,  E tutto ciò prima ancora di aver fatto le necessarie riforme strutturali.

Ciò significa che “L’Italia non solo può sopravvivere all’Italexit, ma prosperare”. Con una moneta svalutata, e proteggendo adeguatamente dal contraccolpo monetario imprese e cittadini, ritornerebbero gli investitori internazionali e l’export crescerebbe subito, facendo ripartire subito l’economia. 

 

https://www.politico.eu/article/opinion-italy-germany-how-to-exit-the-eurozone-euro-reform/

Rispondi