Prima Pagina>Economia>La Ue: debito italiano in crescita anche per le scelte del Governo
Economia

La Ue: debito italiano in crescita anche per le scelte del Governo

Al di là dell’attesa scelta dell’esecutivo comunitario se ritenere giustificata l’apertura di una procedura per debito eccessivo ai danni dell’Italia, la Commissione europea pubblicherà oggi a Bruxelles una analisi approfondita sullo stato delle finanze pubbliche italiane che a Roma dovrebbe essere oggetto di un dibattito schietto sul futuro del paese, anche perché il quadro rischia di non rassicurare i paesi più scettici verso l’idea di dotare la zona euro di un proprio bilancio.

Il rapporto sul debito pubblico italiano, ai sensi dell’articolo 126/3 dei Trattati, giunge dopo che gli ultimi dati Eurostat hanno mostrato un nuovo aumento del debito italiano tra il 2017 e il 2018, dal 131,4 al 132,2% del prodotto interno lordo. Come detto, la relazione è propedeutica a una eventuale apertura di una procedura per debito eccessivo, che deve essere decisa dal Consiglio. Una prima discussione tecnica tra i paesi membri potrebbe avvenire il 1° luglio.

PER SAPERNE DI PIÙ / Nel 2018 debito italiano salito al 132,2%, in 24 Paesi Ue (su 28) è sceso

In una lettera inviata venerdì alla Commissione europea, il ministero dell’Economia ha spiegato quali fattori ai suoi occhi abbiano influito sull’aumento del debito. L’analisi italiana si basa principalmente sulla cattiva evoluzione della congiuntura. Secondo le informazioni raccolte qui a Bruxelles, nella sua valutazione l’esecutivo comunitario metterà l’accento anche su altri elementi, in particolare le scelte di politica economica dello stesso governo Conte.

PER SAPERNE DI PIÙ / Sforzi insufficienti sul debito: cosa accade dopo la lettera di Bruxelles

Tra le altre cose, Bruxelles sottolineerà come la riforma pensionistica, che permette il pensionamento anticipato, comporterà incrementi di spesa nel 2019 dello 0,3% del prodotto interno lordo, tali da aumentare ulteriormente un costo pensionistico che è valutato dall’Ocse al 15% del prodotto interno lordo potenziale. Il rischio, secondo le autorità comunitarie, è di mettere ulteriormente in dubbio la sostenibilità a lungo termine del debito italiano.

GUARDA IL VIDEO / Debito, l’Italia rischia una supermulta

La Commissione esprimerà dubbi anche per quanto riguarda la capacità del governo Conte di introdurre le previste operazioni di privatizzazione. Nel 2018, il governo italiano puntava su ricavi pari allo 0,3% del Pil, mentre il risultato finale è stato vicino allo zero. Per questo motivo, Bruxelles è cauta sugli obiettivi per il 2019. Il ministero dell’Economia punta su ricavi dell’1,0% del Pil, mentre l’esecutivo comunitario si aspetta entrate per appena lo 0,1% del Pil.

LEGGI ANCHE / Dismissioni, dietro le quinte ballano 18 miliardi

Peraltro, l’Italia ha fatto poco per riformare l’economia, condizione per rilanciare la crescita e ridurre il debito. Come tale, agli occhi di Bruxelles, il rallentamento economico registrato nel 2018 spiega solo in parte l’aumento del debito pubblico. Nel 2004-2018, la crescita italiana è stata pari allo 0,1% annuo, rispetto a una crescita media nel resto della zona euro dell’1,5%. Non sorprende il forte divario tra gli impegni di riduzione del debito e gli obiettivi raggiunti o da raggiungere (stimato al 9% del Pil nel 2019).

PER SAPERNE DI PIÙ / Ecco le conseguenze di una procedura Ue sul debito eccessivo (mai applicata finora)

Al di là delle scelte comunitarie su una eventuale procedura per debito eccessivo, il rapporto di oggi sarà oggetto di analisi a Roma e nelle capitali degli altri paesi membri proprio mentre i 19 governi della zona euro stanno negoziando i contorni di un nuovo bilancio dell’unione monetaria. Le trattative sono difficili. I nodi non mancano, e la stessa situazione italiana rafforza la mano di chi già guarda con cautela a uno strumento che alcuni vorrebero usare per stabilizzare le economie in crisi.

© Riproduzione riservata

Argomenti:

Fonte

Rispondi