LA LETTERA DI BRUXELLES

Bruxelles sottolinea: il peggioramento deficit strutturale appare non in linea con le decisioni Ecofin

22 ottobre 2019


default onloading pic

3′ di lettura

La manovra dell’Italia non rispetta la riduzione del debito. Il peggioramento del deficit strutturale appare non in linea con le decisioni Ecofin. E la Ue in una lettera chiede chiarimenti per verificare se l’Italia abbia rispettato gli impegni assunti in chiave europea. I chiarimenti chiesti dalla Ue al governo M5S-Pd-LeU e Italia Viva dovranno arrivare entro domani, «per consentire alla Commissione di tenerli in considerazione prima di dare l’opinione formale sulla manovra».

Conte: a Ue daremo tutti i chiarimenti
Il presidente del Consiglio Giuseppe Conte e fonti del ministero dell’Economia chiariscono: la lettera dell’Unione europea non preoccupa. «All’Ue daremo tutti i chiarimenti, non siamo preoccupati», afferma il premier a margine dell’assemblea di Confesercenti. «La Commissione – spiegano fonti del ministero dell’Economia – chiede chiarimenti che il Governo si appresta a dare entro domani. La lettera prende nota della richiesta di flessibilità da parte del Governo italiano per eventi eccezionali e richiama la discussione, promossa anche dall’Italia, tenutasi nell’ultimo Eurogruppo del 9 ottobre sull’intonazione di bilancio (fiscal stance) dell’Eurozona».

Il piano italiano non in linea con target riduzione debito
Rimane il fatto che si mette nero su bianco che già in questa fase l’Italia non rispetta i parametri. Il piano italiano, si legge nel testo della lettera inviata dalla Commissione europea al ministro dell’Economia Roberto Gualtieri, «non rispetta il target di riduzione del debito per il 2020».

La lettera della Commissione Ue all’Italia

Visualizza

Peggioramento deficit strutturale non in linea con raccomadazioni
«Vorremmo ulteriori informazioni sulla precisa composizione dei cambiamenti del bilancio strutturale e sugli sviluppi della spesa previsti per il 2020. Tale informazione ci aiuterebbe a determinare se c’è un rischio di deviazione significativa dall’aggiustamento di bilancio raccomandato nel 2020 e negli anni 2019 e 2020». É questo il succo della lettera che il vicepresidente della Commissione europea Valdis Dombrovskis e il commissario Pierre Moscovici hanno inviato al ministro dell’economia Roberto Gualtieri. Nella lettera si afferma che il peggioramento del deficit strutturale l’anno prossimo e l’aumento del tasso di crescita della spesa pubblica primaria «appaiono non essere in linea con i requisiti di politica di bilancio indicati dalla raccomandazione del Consiglio del 9 luglio 2019».

Nella lettera di poco più di una pagina, i due esponenti comunitari indicano che il progetto di bilancio italiano «prevede un cambiamento nel bilancio strutturale nel 2020, che peggiora di 0,1% del pil», sia secondo i calcoli del governo che secondo i calcoli della Commissione effettuati sulla base della metodologia concordata a livello Ue. Il peggioramento contrasta con «l’aggiustamento strutturale raccomandato pari allo 0,6% del pil». Poi, il tasso di crescita della spesa primaria netta dell’1,9% «eccede la riduzione raccomandata di almeno lo 0,1%. Complessivamente tali elementi appaiono non essere in linea con i requisiti», indicati a luglio dai ministri finanziari europei.

Fonte

Rispondi