Prima Pagina>Economia>Manovra, Gualtieri: asili nido gratis già dal 1° gennaio
Economia

Manovra, Gualtieri: asili nido gratis già dal 1° gennaio

l’audizione

Il ministro dell’Economia Roberto Gualtieri in audizione a Palazzo Madama sulla manovra ha ricordato che dal pacchetto di misure di lotta all’evasione fiscale il governo conta di ricavare 3,2 miliardi di euro

12 novembre 2019


Manovra in Senato: il calendario della sessione di Bilancio

3′ di lettura

Il rafforzamento del bonus per gli asili nido consentirà «la sostanziale gratuità degli asili nido per la grande maggioranza delle famiglie italiane, importante anche dal punto di vista del sostegno all’occupazione femminile». Lo ha detto il ministro dell’Economia Roberto Gualtieri in
audizione sulla manovra in commissione bilancio a Palazzo Madama, ricordando che si prevede anche l’aumento dei posti al nido «oggi insufficienti in particolare nel Mezzogiorno». In tutto nel triennio, ricorda si stanziano 2,8 miliardi in più per la famiglia.

Gualtieri: pressione fiscale scende di 7 mld
Gultieri ha sottolineato inoltre che la manovra «non solo diminuisce la pressione fiscale in misura considerevole rispetto al tendenziale, ma riduce le tasse anche rispetto all’anno precedente». E ha spiegato che la pressione fiscale appare invariata al 41,9% ma al netto di misure come il recupero dell’evasione o il differimento delle Dta «avremo una riduzione di 7,1 miliardi della pressione fiscale anche rispetto all’anno precedente». E ha ricordato che dal pacchetto di misure di lotta all’evasione fiscale il governo conta di ricavare 3,2 miliardi di euro.

Migliora quadro Pil, bene per 2020
Non solo. Le previsioni a breve per il quadro macroeconomico italiano, malgrado lo scenario internazionale, «hanno di recente mostrato alcuni segnali incoraggianti» e «indicano un incremento anche nel quarto trimestre, che potrebbe non solo migliorare rispetto allo 0,1% previsto nella Nadef, ma dovrebbe dar luogo a un trascinamento positivo sulla crescita del 2020». Ecco perché «lo 0,6% di crescita appare ampiamente raggiungibile, anche prudente e ci permette di proiettare una crescita negli anni successivi all’1%».

Modulare tempi e forme tassa auto
Quanto alla stretta sulle auto aziendali, è una misura che «va migliorata per evitare che si traduca in un aumento sella pressione fiscale sui lavoratori dipendenti». In particolare va salvaguardato l’obiettivo di «incentivare il rinnovamento del parco, ma modulando tempi e forme», in modo anche da «garantire che modalità e tempi siano coerenti con i
piani produttivi del settore automobili».

Migliorare plastic tax ma stop abuso monouso
Anche la plastic tax «deve essere migliorata e riformulata» in modo da evitare che «abbia effetti negativi su una filiera produttiva molto importante». In tal senso «abbiamo avviato una riflessione tecnica con gli operatori del settore, auspichiamo che il Parlamento intervenga e mettiamo a disposizione questo lavoro per rimodulare la misura ma
salvaguardando la ratio dell’intervento che disincentivi l’abuso
della plastica monouso».

Fonte

Rispondi