Prima Pagina>Economia>Manovra, ricompensa a utenti «vittime» bollette pazze
Economia

Manovra, ricompensa a utenti «vittime» bollette pazze

votazioni al senato

Sono ripresi i lavori in Commissione Bilancio del Senato sulla manovra, per l’esame degli emendamenti. Il programma prevede anche sedute pomeridiana e serale

10 dicembre 2019

Advertisements

Trovato accordo su manovra, Conte: rinvio su plastic e sugar tax

2′ di lettura

Sono ripresi i lavori in Commissione Bilancio del Senato sulla manovra, per l’esame degli emendamenti. Il programma prevede

Advertisements
anche sedute pomeridiana e serale. L’ok dovrebbe arrivare in Aula venerdì mattina. Il testo dovrebbe poi passare blindato alla Camera e avere l’ok definitivo prima di Natale. Il lungo iter a Palazzo Madama (dove il testo è stato presentato dal governo il 2 novembre) ha reso impossibile per Montecitorio di apportare le sue modifiche, pena il rischio di non approvare il testo entro il 31 dicembre e arrivare dunque all’esercizio provvisorio.

Ricompensa a utenti ‘vittime’ bollette pazze
Chi riceva bollette ‘pazze’ per la fornitura di energia elettrica, gas, acqua, servizi telefonici, televisivi e internet, «oltre al rimborso delle somme eventualmente versate» e non dovute, ha diritto a ricevere anche una somma «pari al 10% dell’ammontare contestato e non dovuto e, comunque, per un importo non inferiore a 100 euro». Lo prevede
un emendamento alla manovra approvato in commissione Bilancio al
Senato. Il rimborso può avvenire o con lo «storno nelle
fatturazioni successive» o con «un apposito versamento».

Salta proroga per cedolare affitti negozi
Niente proroga per la cedolare sui negozi. La cedolare secca al 21% introdotta lo scorso anno sugli affitti di immobili commerciali, nonostante le diverse proposte d i maggioranza e opposizione, non sarà confermata anche per il 2020. In serata ieri in commissione Bilancio sono stati bocciati
gli emendamenti delle opposizioni sul tema, il Pd ha ritirato la sua proposta mentre quelle analoghe di M5S e Iv sono state trasformate in ordini del giorno.

Sale al 40% quota rosa in società quotate
Portare al 40% la ‘quota rosa’ nelle società quotate. È quanto prevede un emendamento alla manovra approvato dalla commissione Bilancio del Senato. La richiesta, prima firmataria Donatella Conzatti (Iv), ha ottenuto un consenso trasversale. L’emendamento di fatto estende quanto previsto dalle legge del 2011 Golfo-Mosca che introduceva una quota rosa per consigli di amministrazione e di controllo delle società quotate.

12 mln in più in 3 anni contro violenza donne
Non solo. Arrivano quattro milioni di euro in più per ogni anno dal 2020 al 2022 per il piano straordinario «contro la violenza sessuale e di genere». È quanto stanzia un emendamento approvato dalla commissione Bilancio del Senato.

Fonte

Rispondi