Prima Pagina>Economia>Mercato immobiliare, si risveglia Roma
Economia

Mercato immobiliare, si risveglia Roma

Nella seconda parte del 2017, i valori della capitale hanno registrato un calo dell’1,4%. Le case più richieste sono i trilocali. Molto alta la richiesta di box ma l’offerta è scarsa.

Prezzi in leggero ribasso nel cuore di Roma. Lo sostiene una ricerca del Gruppo Tecnocasa. Continua a essere forte la domanda per investimento con acquisti di piccoli tagli al di sotto di 500 mila euro che sono poi messi a reddito. Tanti sono anche interessati ad adibire l’abitazione a struttura ricettiva e per questo motivo si cerca in tutto il centro storico eccetto delle aree di Porta Pia e Prati dove prevalgono gli acquisti di prima casa. Esiste un segmento destinato agli immobili di pregio, signorili e che si orienta su tagli molto ampi (oltre i 200 metri quadrati), posizionati ai piani alti, con terrazzo, possibilmente panoramici e inseriti in edificio di prestigio. In questo caso, si parla di piazza del Popolo, via del Babuino e piazza di Spagna, dove si orientano soprattutto richieste d’immobili di qualità in assenza della quale le trattative si chiudono a prezzi leggermente più contenuti. In piazza del Popolo e in via del Babuino, le quotazioni medie sono di 8000-9000 euro al metro quadrato, mentre ai piani alti in piazza di Spagna si registrano punte di 15 mila euro al metro quadrato. Nelle altre zone del centro i prezzi scendono mediamente a 5000-6000 euro per raggiungere valori di 7000-8000 euro per quelle posizionate in via Veneto, Fontana di Trevi e piazza Navona. Intorno al Pantheon e nel Ghetto Ebraico non si superano gli 8000 euro per proposte da ristrutturare con punte di 10 mila euro per abitazioni in buono stato. Le strade più apprezzate sono via Cassiodoro, via Tacito e piazza Cavour sono, dove si concentrano palazzi di stile umbertino con quotazioni di 6000-7000 euro da restaurare.

Molto alta la richiesta di box auto ma l’offerta è scarsa, per un box singolo si spendono mediamente tra 60 e 80 mila euro

Sul mercato degli affitti si muovono lavoratori fuori sede e studenti universitari, spesso stranieri. Un bilocale costa mediamente 1000 euro al mese in zona Prati e 1200 euro al mese nelle zone centrali; attualmente si stipulano soprattutto contratti a canone concordato tre più due e la cedolare secca viene applicata spesso.

Sulla base delle richieste, il trilocale (45%) è avanti a tutti. La disponibilità di spesa concentra il 65,6% delle richieste nella fascia tra 170 e 474 mila euro. Nel 2017 è aumentato il numero di compravendite sia in città che in provincia, segnalando rispettivamente più 3% e più 3,2% rispetto al 2016.

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *