Prima Pagina>Economia>Nel 2019 balzo della cassa integrazione: +20%. E quella straordinaria aumenta del 30%
Economia

Nel 2019 balzo della cassa integrazione: +20%. E quella straordinaria aumenta del 30%

i dati inps

Il 2019 si chiude con oltre 259 milioni di ore di cassa integrazione richieste dalle imprese. Il dato è in forte aumento rispetto al 2018

di Claudio Tucci

Advertisements

23 gennaio 2020


Cigs e mobilità: ecco cosa cambia

2′ di lettura

Il 2019 si chiude con oltre 259 milioni di ore di cassa integrazione richieste dalle imprese. Il dato è in forte aumento rispetto al 2018, più 20,2 per cento. A schizzare verso l’alto è essenzialmente la Cigs, la cassa integrazione straordinaria utilizzata per le crisi più strutturali. Nei 12 mesi supera il 30 per cento di incremento. Nell’industria le ore autorizzate di Cigs crescono del 38 per cento, nell’edilizia addirittura del 71 per cento.

Su anche le richieste di disoccupazione
I dati diffusi dall’Inps evidenziano un mercato del lavoro in frenata, e alle prese con i soliti nodi strutturali. Il 2019 è il primo anno, dal 2012, che vede riacuirsi il fronte Cig. A spiegare l’incremento delle ore richieste dalle aziende di ammortizzatore ci sono le crisi industriali in aumento. Al solo Mise ci sono 160 tavoli aperti, che interessano 200mila lavoratori, 60mila dei quali a rischio perdita del posto di lavoro.

Sempre lo scorso anno, poi, il numero di aziende in crisi che hanno fatto ricorso a nuovi decreti di Cigs sono state 1.240, pari a 2.283 siti aziendali. I contratti di solidarietà, dopo il Jobs act divenuti causale autonoma della Cigs, sono in costante aumento: nel 2019, 775, il 62,5% di tutti i decreti firmati; e da diversi mesi anche la Naspi veleggia sulle 100mila domande mensili. A novembre 2019, ultimo dato disponibile, le domande di disoccupazione, compresa la mobilità, hanno superato quota 222mila.

Mancato decollo politiche attive
Oggi la mappa della cassa integrazione, il termometro della difficoltà del nostro tessuto produttivo, è piuttosto articolata. E anche per via delle nuove regole introdotte dalla riforma del governo Renzi del 2015 sta tornando alla ribalta. Le grandi crisi industriali interessano attualmente veri e propri settori: l’automotive, la siderurgia, gli elettrodomestici, il commercio, e in particolare la grande distribuzione, la chimica. Al momento il tiraggio delle ore di Cig si attesta al 36 per cento. L’aumento della Cig è legato poi anche al mancato decollo delle politiche attive, l’altra gamba della riforma del 2015 ancora in stand by.
Il mix nuove regole e politiche attive spuntate spinge tutte le parti sociali a chiedere un intervento urgente sugli ammortizzatori.

Fonte

Rispondi