Prima Pagina>Economia>Rinunciare alla Tav costerebbe fino a 4 miliardi: i dati della relazione costi-benefici
Economia

Rinunciare alla Tav costerebbe fino a 4 miliardi: i dati della relazione costi-benefici

Rinunciare alla Tav costerebbe fino a 4 miliardi: i dati della relazione costi-benefici

 (Afp)

  Tav Torino Lione 

Al di là di indennizzi alla Francia e della restituzione alla Ue dei fondi ricevuti, rinunciare alla realizzazione della Tav Torino-Lione potrà costare all’Italia da 2,8 miliardi fino a 3,5-4 miliardi se si considerano, oltre agli aspetti contrattuali, anche i fondi necessari per il ripristino dei luoghi e il potenziamento della linea storica.

Lo scrive il Sole 24 Ore che cita la relazione ancora secretata allegata all’analisi costi-benefici inviata a Parigi e a Bruxelles. Il documento, che integra l’analisi costi-benefici economica messa a punto dalla squadra di marco Ponti – scrive il quotidiano economico – sarà pubblicato la prossima settimana insieme al resto del lavoro.

Per la messa in sicurezza e il ripristino dei luoghi in caso di addio ai lavori si calcolano da 200 a 500 milioni; i fondi già versati che andrebbero restituiti ammontano a 600 milioni. Le penalità contrattuali vanno da 500 milioni a 1 miliardo. Infine il potenziamento della linea storica e del tunnel del Frejus con un secondo tunnel di sicurezza richiederebbe una spesa di 1,5-1,7 miliardi.

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it.

Se invece volete rivelare informazioni su questa o altre storie, potete scriverci su Italialeaks, piattaforma progettata per contattare la nostra redazione in modo completamente anonimo.

Rispondi