Prima Pagina>Economia>Vertice Ue, Conte: no ai ricatti dei frugali. Kurz: «C’è ancora molta strada da fare»
Economia

Vertice Ue, Conte: no ai ricatti dei frugali. Kurz: «C’è ancora molta strada da fare»

slitta il via ai negoziati

Molti i nodi ancora da sciogliere, tra cui l’ammontare dei finanziamenti e la ripartizione tra sussidi e prestiti dei fondi che dovrebbero essere stanziati per il Recovery Fund

di Nicoletta Cottone e Andrea Gagliardi

Vertice UE, Conte: “Con premier Olanda scontro durissimo”

Molti i nodi ancora da sciogliere, tra cui l’ammontare dei finanziamenti e la ripartizione tra sussidi e prestiti dei fondi che dovrebbero essere stanziati per il Recovery Fund

19 luglio 2020


4′ di lettura

Sulla base di una proposta finlandese per trovare un’intesa, i Frugali (Olanda, Austria, Danimarca, Svezia e ora con l’aggiunta della Finlandia) hanno messo sul tavolo un’offerta finale di 350 miliardi di sovvenzioni per il Recovery Fund, da raddoppiare con un pari ammontare di prestiti. Posto che la questione della governance e dei rebate venga risolta. Si apprende da più fonti diplomatiche europee. Alla cena dei leader il presidente del Consiglio europeo Charles Michel non ha presentato una nuova proposta perché non è stato ancora trovato un accordo sulla dotazione dei sussidi per il Recovery Fund. Per Italia, Spagna, Francia, Germania e molti altri Paesi l’asticella dei sussidi non può scendere sotto 400 miliardi. «L’obiettivo principale della Finlandia è quello di contenere la quota di sovvenzioni. Se entro questo fine settimana non sarà possibile raggiungere un accordo, credo che i negoziati andranno avanti fino a lunedì» ha detto la premier finlandese Sanna Marin a margine del vertice Ue in un’intervista alla tv finlandese Yle. Comunque, viene fatto rilevare, l’intesa dovrà contenere la componente sulla governance, una riduzione del volume del Bilancio Ue ed un nuovo incremento dei ‘rebate’, cioè i rimborsi (meccanismo correttivo della contribuzione al Bilancio).

Conte a frugali: troppe risorse? Minimo indispensabile

«Voi avete dubbi perché le risorse finanziare di chi ragioniamo oggi vi sembrano tante. In realtà è il minimo indispensabile per una reazione minimamente adeguata; se tardiamo la reazione dovremo calcolare il doppio o forse anche di più» avrebbe detto, a quanto trapela da fonti italiane, il premier Giuseppe Conte ai Paesi frugali nel corso di una riunione a margine del Consiglio europeo. Non solo. Il presidente del Consiglio si sarebbe rivolto a muso duro al primo ministro olandese Mark Rutte, capofila dei frugali, con questo monito: «Vi state illudendo che la partita non vi riguardi o vi riguarda solo in parte. In realtà se lasciamo che il mercato unico venga distrutto tu forse sarai eroe in patria per qualche giorno, ma dopo qualche settimana sarai chiamato a rispondere pubblicamente davanti a tutti i cittadini europei per avere compromesso una adeguata ed efficace reazione europea».

Kurz: c’è ancora molta strada da fare

«Ci siamo mossi nella giusta direzione, ma c’è ancora molta strada da fare domani» ha scritto nella notte su Twitter il cancelliere austriaco Sebastian Kurz dopo la seconda giornata di negoziati tra i leader Ue sul Recovery Fund e il bilancio per il 2021-2027. Con una serie di incontri a geometria variabile tra i leader sotto la regia di Angela Merkel e Emmanuel Macron hanno preso il via a Bruxelles i lavori della maratona negoziale che vede il vertice Ue impegnato da tre giorni nella ricerca di un accordo sul piano di rilancio da 750 miliardi e il bilancio 2021-2027. .

Conte: l’Europa è sotto ricatto dei frugali

«L’Europa è sotto ricatto dei Paesi frugali», aveva detto il premier Giuseppe Conte al termine della seconda giornata di lavori del Consiglio europeo sul Recovery fund. Su Twitter, pubblicando una foto che lo ritrae con Merkel, Macron, Sanchez e Von Der Leyen, il premier italiano ha scritto: «Continua il negoziato. Da una parte la stragrande maggioranza dei Paesi – compresi i più grandi Germania, Francia, Spagna, Italia – che difendono le istituzioni europee e il progetto europeo e dall’altra pochi Paesi, detti “frugali”».

Merkel: oggi giornata decisiva al vertice

«Oggi stiamo entrando nel terzo giorno di negoziati ed è sicuramente quello decisivo» per avere un esito, ha detto la cancelliera tedesca, Angela Merkel, arrivando al Consiglio europeo sul Recovery Fund e il bilancio Ue. «Finora abbiamo lavorato nel modo corretto su vari temi – ha sottolineato – tra cui le dimensioni del fondo, il tipo di gestione e anche il nodo dello stato di diritto».

Fonte

Rispondi