Salta al contenuto principale
  • BUONGIORNO ITALIA! Se nel prossimo vedi il buono, imitalo; se nel prossimo vedi il male, guardati dentro.Confucio

Il diabete si può curare con il pane, lo dice l'Università di Padova

Uno studio dell'università patavina, condotto su pazienti che hanno assunto un pane “funzionale” ricco di beta glucani, dimostra che l'ingrediente principe della dieta mediterranea può contribuire al controllo metabolico del diabete di tipo 2
Pane funzionale

Il pane come ingrediente ideale per la dieta di un diabetico, chi l’avrebbe mai detto? Una buona notizia, considerato come da sempre i carboidrati siano gli osservati speciali nell’alimentazione di chi è affetto da questa malattia, estremamente diffusa in tutto il mondo: ad oggi, infatti, sono circa 400 milioni le persone colpite da diabete mellito di tipo 2 e si stima che nel 2030 diventeranno oltre mezzo miliardo.

A darne notizia è uno studio dell’Università di Padova, pubblicato sulla rivista Nutrients, condotto in soggetti affetti da diabete di tipo 2 che hanno assunto, per un medio-lungo periodo, un pane “funzionale” ricco di beta glucani, fibre solubili presenti in alcuni cereali, preparato con una miscela farinacea commerciale già presente nella grande distribuzione con il nome di “Salus” e prodotta dall’azienda "Il Granaio delle Idee" di Maserà, in provincia di Padova. 

Di ogni paziente, “la cui terapia farmacologica usuale è stata mantenuta invariata – precisano gli autori dello studio, Paolo Tessari e Anna Lante - sono stati annotati i dati relativi ai livelli di glucosio (a digiuno e post-prandiale), di emoglobina glicata (indice di controllo metabolico nei 3-4 mesi antecedenti), di colesterolo, di trigliceridi, la pressione arteriosa e il peso corporeo”, dimostrando che “l'emoglobina glicata veniva significativamente ridotta, dello 0.5% (in valore assoluto) rispetto ai soggetti che si erano alimentati con pane comune bianco. Anche la glicemia post-prandiale e la glicemia media si riducevano significativamente, in parallelo con la riduzione dell’emoglobina glicata”.

Il prodotto, inoltre, sulla base delle impressioni riportate dai pazienti, presentava ottime qualità organolettiche, così come risultava soddisfacente la quantità consumata, che non dava al soggetto la percezione di dover limitare l’assunzione dell’alimento rispetto alla porzione abitualmente consumata.

Ideato dall’azienda padovana Il Granaio delle Idee Srl, da 20 anni attiva nella produzione di miscele per panificazione clean label, il Pane Funzionale Salus® è facilmente reperibile presso i migliori fornai artigiani di tutta Italia e fa bene alla salute di tutti, grazie ai suoi 7 benefici nutrizionali: ridotto contenuto calorico, pochi grassi, a tasso ridotto di carboidrati, ricco di fibre, con beta-glucani dell’avena, ricco di proteine e a tasso ridotto di sodio. Il regolare consumo di Beta-glucani – sottolinea in particolare l’Autorità europea per la sicurezza alimentare (Efsa) – contribuisce a mantenere le normali concentrazioni di colesterolo nel sangue: se consumati nella quantità minima di 3 g al giorno – attraverso l’equivalente di 150 g di Salus – i Beta-glucani hanno la proprietà di ridurre il colesterolo.

Pane