Salta al contenuto principale
  • BUONGIORNO ITALIA! Non si può scegliere il modo di morire. O il giorno. Si può soltanto decidere come vivere. Ora.John Baez

Quattro milioni di italiani ordinano regolarmente cibo da siti e app

Undici milioni telefonano direttamente a pizzerie e ristoranti, senza passare da internet. Cresce il mercato della consegna di cibi a domicilio
Cresce il mercato della consegna di cibi a domicilio

Cresce il mercato dei siti di food delivery. Sempre più italiani ordinano per abitudine cibo a domicilio. Sono 4 milioni, secondo un'analisi della Coldiretti/Censis, mentre 11 milioni sono quelli che usano il telefono in maniera costante per farsi portare a casa i piatti direttamente da pizzerie o ristoranti.

Vince la comodità. Nel 2017 è diminuita la voglia degli italiani di cucinare o uscire a cena. Orari di lavoro sempre più flessibili e i cambiamenti nello stile di vita hanno portato, tra le altre cose, a preferire l'ordinazione del cibo a domicilio. Ai siti specializzati nella consegna di piatti direttamente a casa si può accedere tramite qualunque dispositivo, dal computer allo smartphone.

Possono avere una diffusione internazionale come Foodora o JustEat, ma anche nazionale o locale. Senza dimenticare i servizi di consegna a domicilio che garantiscono già il singolo ristorante o la singola pizzeria. Una comodità che ha portato al cambiamento delle abitudini in cucina, ma anche alla crescita delle piattaforme di food delivery. Va da sé che l'offerta sarà maggiore nelle grandi città, mentre per ora restano ancora piuttosto scoperti i piccoli paesi.

A casa come al ristorante. Bastano un paio di click e il fattorino suona il campanello consegnando il piatto ordinato, ancora caldo. La scelta è ampia, dal piatto etnico al risotto, dal sushi alla pizza. Si può pagare in contanti oppure online. Si può, insomma, sbrigare il tutto nella massima comodità e senza nemmeno doversi vestire bene per uscire a cena. E' la soluzione più gettonata per chi torna a casa stanco dopo una lunga giornata di lavoro.