Salta al contenuto principale
  • BUONGIORNO ITALIA! Come un bel fiore smagliante privo di profumo, altrettanto belle ma prive di frutto sono le parole di colui che non agisca conforme a loro.Gautama Buddha

Dal Friuli allo Champagne arrivano i guaritori delle vigne

di Antonio Devetag
Genio italico: salvano le viti colpite dal mal d’esca come fa un dentista con una carie: la pianta “disintossicata” dalla malattia, riacquista nel giro di poco tempo vigore, riprende a fruttificare e torna pienamente produttiva
Preparatori d'uva
Preparatori d'uva

Salvano le viti colpite dal mal d’esca come fa un dentista con una carie: utilizzando delle piccole motoseghe, aprono il tronco ed esportano la parte intaccata. La pianta “disintossicata” dalla malattia, riacquista nel giro di poco tempo vigore, riprende a fruttificare e torna pienamente produttiva.

A mettere a punto questa straordinaria tecnica “chirurgica” per evitare che le piante ammalate siano estirpate e sostituite, sono stati i friulani Simonit&Sirch Preparatori d’uva  che, dopo anni di lavori e sperimentazioni in vigneti italiani e francesi, hanno raggiunto il sorprendente risultato che il 90% delle piante trattate è tornato pienamente produttivo. 

Dendrochirurgia

I Preparatori d’Uva, guidati da Marco Simonit, sono l’unico gruppo al mondo accreditato e strutturato a livello internazionale nel settore della formazione del personale addetto alla potatura manuale dei vigneti. La loro consulenza è richiesta dalle principali aziende italiane e delle grandi regioni del vino di tutto il mondo, fra cui i leggendari Château d’Yquem, Château La Tour, Moët&Chandon, Roederer e Domaines Leroy. 

La tecnica che hanno messo a punto si chiama Dendrochirurgia: richiestissima, è  la nuova frontiera per salvare i vigneti dal mal d’esca, probabilmente la più grave e diffusa malattia che colpisce i vigneti di tutto il mondo, e in particolar modo quelli europei.  

La dendrochirurgia consente inoltre alle aziende notevolissimi risparmi, dato che si evita il costo del reimpianto (estirpo delle viti malate, scavo della buche, impianto delle barbatelle, allevamento) e si ovvia alla mancata produzione da parte delle nuove piante per almeno 3 anni.

Dendrochirurgia nello Champagne

Le prime prove sono state fatte nel 2011 a Chateau Reynon, quindi da Schiopetto in Friuli e da Bellavista in Franciacorta. In 6 anni di lavoro e sperimentazione, sono state operate 10.000 piante di 5 varietà (Sauvignon blanc, Chardonnay, Cabernet,Sauvignon, Cabernet Franc,Pinot nero), in vigneti italiani e francesi di 6 regioni viticole: Collio, Isonzo, Franciacorta,Bolgheri, Champagne, Borgogna, Bordeaux. 

I “chirurghi” di  Simonit & Sirch si dedicano oggi alla formazione delle maestranze interne alle aziende, per insegnare loro le delicate e precise operazioni che portano a perfetti risultati  di dendrochirurgia.

Antonio Devetag


Ulteriori informazioni: www.simonitesirch.it