Prima Pagina>Curiosità>Allarme birra. Il riscaldamento globale mette a rischio la produzione di orzo
Curiosità Enogastronomia

Allarme birra. Il riscaldamento globale mette a rischio la produzione di orzo

L’innalzamento delle temperature a causa del riscaldamento globale e le siccità sono una minaccia per le colture di orzo, principale ingrediente della birra. Potrebbero portare ad un aumento del prezzo

Allarme caldo per la birra: entro il 2099 la più popolare e amata delle bevande potrebbe diventare una rarità e il suo prezzo potrebbe più che raddoppiare. La siccità e le ondate di calore costituiscono infatti una minaccia per le colture di orzo, il principale ingrediente della birra. È lo scenario, pubblicato sulla rivista Nature Plants, che nasce dai modelli elaborati in collaborazione fra Cina e Stati Uniti, dal gruppo dell’Università di Pechino guidato da Wei Xie e da quello dell’Università della California a Irvine coordinato da Steven Davis. Dopo le piantagioni di caffè, è l’orzo a essere minacciato dal caldo e i modelli matematici indicano per la prima volta in quale misura. Che disdetta: più fa caldo e più berresti birra che invece diventerà più costosa. Finora era noto che «nei periodi di siccità e caldo estremi la produzione di orzo si riduce drasticamente», osservano i ricercatori, ma nessuno aveva mai tradotto finora questi rischi in cifre. I primi dati quantitativi sono stati ottenuti grazie a un modello in grado di fornire scenari diversi relativamente a diverse situazioni climatiche. «Abbiamo visto – scrivono i ricercatori – che gli eventi climatici estremi possono portare a una drastica riduzione della resa dell’orzo nel mondo». Una perdita che, a seconda del grado di siccità e delle temperature, potrebbe variare dal 3% al 17%.

 

Birre

 

Per avere un’idea delle conseguenze, una riduzione dei raccolti di orzo del 16% equivarrebbe a 29 miliardi di litri di birra in meno: una quantità pari alla quantità di questa bevanda consumata in un anno negli Stati Uniti. In uno scenario simile i consumi potrebbero scendere del 4% e i prezzi salire del 15%. A farne le spese, secondo il modello, sarebbe i Paesi che sono i più forti consumatori, guidati attualmente dalla Cina. Tra i Paesi più colpiti non può mancare l’Irlanda, dove entro il 2099 il prezzo della birra potrebbe impennarsi dal 43% al 338%. Non va meglio in Argentina, dove annate particolarmente difficili per la siccità significherebbero una riduzione della produzione di birra del 32%, pari a 0,53 miliardi di litri. Certamente, ammettono i ricercatori, questi effetti «possono sembrare modesti al confronto con altri impatti dei cambiamenti climatici potenzialmente minacciosi per la vita»; si potrebbe anche osservare, aggiungono, che «consumare meno birra non sia di per sé un disastro e che potrebbe, anzi, avere dei benefici sulla salute». Tuttavia, concludono, «senza dubbio per milioni di persone nel mondo l’impatto climatico sulla disponibilità e il prezzo della birra suonerebbe come aggiungere il danno alla beffa».

Fonte ilmessaggero.it

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *