(ANSA) – TRENTO, 06 MAG – I ricercatori dalla Fondazione Edmund Mach (Fem) di San Michele all’Adige hanno scoperto gli effetti benefici di due ceppi di batteri identificati nei formaggi a latte crudo prodotti in Trentino.

Si tratta del Streptococcus thermophilus 84C e del Lactobacillus brevis DSM-32386, registrati in una apposita banca dati. I due ceppi, individuati analizzando un centinaio di campioni di latte e formaggio di malga, sono in grado di produrre elevate concentrazioni di acido y-amminobutirrico (Gaba), un neurotrasmettitore con proprietà calmanti.

“I formaggi prodotti con i ceppi batterici – dice la ricercatrice Elena Franciosi – contenevano quantità di Gaba più alte rispetto ai formaggi prodotti usando ceppi batterici commerciali”. La scoperta, pubblicata sulla rivista “Frontiers in Microbiology”, è stata possibile grazie alla collaborazione con il Dipartimento di agronomia dell’Università di Padova e con i ricercatori dell’Unità di chimica vitienologica e agroalimentare del Centro trasferimento tecnologico.

Rispondi