Al via la seconda edizione de “il dietro le quinte dei grandi vini”. L’appuntamento per appassionati, opinionisti, giornalisti e addetti ai lavori è venerdì 17 e sabato 18 gennaio 2020 al Castello di Roncade (Roncade in provincia di Treviso). Ad accompagnare il pubblico sarà l’enologo Umberto Trombelli, enologo di fama internazionale. 

Esattamente un anno fa il Castello di Roncade, della famiglia del barone Vincenzo Ciano Bassetti, ha creato in diretta l’assemblaggio del Villa Giustinian 2017, il vino di riferimento del Castello di Roncade (Rosso Igt Veneto gr. 13,5). L’incontro, di grande valore culturale, ha permesso agli ospiti di degustare in anteprima le partite di vino che compongono un “Taglio bordolese” personalizzato con autoctoni veneti.

«Degustare assieme le partite di vino che compongono un “Taglio bordolese” – spiega l’enologo Umberto Trombelli – tra Merlot, Cabernet Sauvignon, Cabernet Franc, Carmenère, Raboso e, tra loro, campioni di barriques, tonneaux, botticelle e botti grandi, ha rappresentato un grande momento di confronto sul mondo del vino, sul vino di Roncade, sull’arte di fare il vino e sull’enologia. Un aspetto enologico che molti non conoscono, soprattutto quando si tratta di mettere le tessere al loro posto facendo lo con vini “grezzi”, non puliti, semplicemente prelevati dalla botte». 

Questa nuova edizione targata 2020, rappresenta un’esperienza unica dal grande valore didattico ed esperienziale anche per chi partecipa per la prima volta. Al termine della prima edizione ogni partecipante ha espresso la propria opinione su di una pergamena in sughero: ciascuna è stata sigillata all’interno di una bottiglia decorata per l’occasione. In questa seconda edizione, al termine dell’affinamento in vetro che ha subito il vino, saranno aperti e letti i fogli di sughero e, di nuovo, gli esperti si confronteranno sulla tipologia di vino degustando il Villa Giustinian pronto per la commercializzazione.

«La prima edizione de “il dietro le quinte dei grandi vini” è stata senza alcun dubbio – spiega il barone Claudio Ciani Bassetti – una grande occasione per tutti i partecipanti ed ha rappresentato un momento d’incontro e di confronto.