Prima Pagina>Enogastronomia>Due italiani su tre pagherebbero di piu’ la carne per il benessere degli animali da allevamento
Enogastronomia

Due italiani su tre pagherebbero di piu’ la carne per il benessere degli animali da allevamento

ROMA – Quasi 2 italiani su 3 (63%) sarebbero disposti a pagare di più per carne ottenuta rispettando al massimo il benessere degli animali. E’ quanto emerge dall’analisi Coldiretti/Ixè in occasione della firma del protocollo Inalca (Gruppo Cremonini) a Roma.

Il protocollo stabilisce nuovi criteri di qualità nell’allevamento bovino, come la corretta gestione dello spazio per ogni animale, il microclima, l’organizzazione delle mandrie, le pratiche di biosicurezza, la nutrizione e l’utilizzo della paglia per la lettiera.

L’obiettivo è migliorare gli standard qualitativi della bistecca Made in Italy, in un contesto di consumo che vede il 95% degli italiani mangiare carne. Con il 18% degli italiani che ne porta in tavola meno di 100 grammi alla settimana, il 45% dai 100 ai 200 grammi e il 24% tra i 200 ed i 400 grammi – secondo l’indagine Coldiretti/Ixè -, a livello nazionale il consumo di carne risulta equilibrato, e ben al di sotto del limite di 500 grammi alla settimana consigliato dall’ Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS).

Nel 2018 – spiega una proiezione Coldiretti su dati Ismea – sono state vendute quasi 850mila tonnellate di carne (oltre 1/3 del totale era bovina), per una spesa tendenziale di circa 7,5 miliardi di euro, con un incremento di oltre il 3% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.

Secondo un’indagine Coldiretti/Ixè, nel Belpaese si assiste ad una svolta verso la qualità, con il 45% degli italiani che privilegia la carne proveniente da allevamenti tricolori, il 29% che sceglie carni locali e il 20% quelle a marchio Dop, Igp o con altre certificazioni di origine. 

Rispondi