Prima Pagina>Enogastronomia>Lo Chef Francesco Apreda lascia il ristorante Imago dell’hotel Hassler
Enogastronomia

Lo Chef Francesco Apreda lascia il ristorante Imago dell’hotel Hassler

ROMA – Francesco Apreda, chef campano con numerose esperienze alle spalle tra Italia ed estero, lascia l’Hassler per approdare al The Pantheon Iconic Rome Hotel, Autograph Collection e lo annuncia con un lungo post sul suo profilo Facebook. Al suo posto arriva Andrea Antonini.

Cari Amici, scrive, “dopo 16 anni si è conclusa la mia avventura all’Hassler, sono orgoglioso di quello che è stato il mio percorso, così come di aver rappresentato l’Hassler in tantissime esperienze internazionali, in particolare in India e Giappone”. Apreda è stato a capo della cucina del famoso ristorante romano dal 2003. Dal 2004 l’Hassler conta una stella nella guida Michelin.

“Questo è stato il centro della mia vita per molti anni e l’Hassler, l’Imago, Roberto Wirth, Marco Amato e tutto il gruppo con il quale ho lavorato, la brigata di cucina e il personale di sala, avranno per sempre un posto speciale nel mio cuore”, sottolinea Apreda.

“Voglio ringraziare tutti coloro che hanno reso tutto questo uno splendido viaggio, sono molto contento della mia scelta e di quello che mi aspetta, sono abituato per carattere a guardare sempre oltre l’orizzonte e sono molto determinato perché ancora ho in serbo tante idee e progetti. Da oggi e per molti anni la mia nuova casa sarà al The Pantheon Iconic Rome Hotel, Autograph Collection. STAY TUNED…….le sorprese non finiscono”. 

Andrea Antonini ha lavorato nelle cucine di Quique Dacosta e del Celler De Can Roca (entrambi 3 stelle Michelin), tra le più innovative e creative d’Europa. ““Ho creato IMÀGO 12 anni fa per essere il luogo in cui assaggiare il futuro – racconta Roberto Wirth, proprietario e General Manager del’Hotel Hassler di Roma – e chi meglio di uno chef giovane ed entusiasta, alla guida di una brigata di ragazzi che non superano i trent’anni a testa, può raccontare la cucina che verrà? Il futuro è oggi!”.

Rispondi