(ANSA) – VERCELLI, 07 GIU – Prende il via lunedì 15 giugno, tra le province di Novara e Vercelli, il progetto di monitoraggio contro la diffusione del brusone nelle risaie. Il programma di controllo del fungo patogeno Pyricularia oyzae è finanziato dalla Regione Piemonte e prevede, fino a metà agosto, un bollettino bisettimanale pubblicato da Ente Nazionale Risi, che fornirà agli agricoltori le informazioni necessarie per scegliere il momento più idoneo per i trattamenti fungicidi.

Le indicazioni arriveranno attraverso una rete di apparecchiature “captaspore” sistemate in alcuni campi sentinella; quest’ultimi sono seminati con varietà a diverso grado di suscettibilità al brusone, e non sono trattati con i normali trattamenti fungicidi. Il Pyricularia oryzae colpisce in particolare le piante di riso nella fase adulta, soprattutto nei periodi del mese di luglio, e con percentuali di umidità elevati. “E’ un’iniziativa importante – dichiara il presidente di Ente Risi, Paolo Carrà – per il lavoro di prevenzione e di svolgimento dei trattamenti fungicidi solo se necessari. Il brusone è la prima malattia al mondo per il riso e ad essere più suscettibili sono le varietà più vecchie, mentre si stanno selezionando varietà più resistenti a questo fungo”. 

Rispondi