Salta al contenuto principale
  • BUONGIORNO ITALIA! Non si può scegliere il modo di morire. O il giorno. Si può soltanto decidere come vivere. Ora.John Baez

Michael Stipe, un nuovo brano in supporto di March for Our Lives

di Redazione Spettacoli
A sette anni dallo scioglimento dei R.E.M. il cantante Michael Stipe svela sui social un brano inedito di quaranta secondi
L'ex leader dei R.E.M. pubblica su Instagram una canzone per la marcia contro le armi

La sua ultima esibizione pubblica televisiva risale al marzo 2016, quando al Tonight Show di Jimmy Fallon cantò in diretta una sua personale cover del brano The Man Who Sold the World, in occasione di un omaggio a David Bowie. Michael Stipe, ex frontman dei R.E.M. (il gruppo rock statunitense in attività tra il 1980 e il 2011) ha pubblicato sul suo profilo Instsagram 40 secondi di una sua nuova canzone intitolata Future, if Future.

Con questa composizione Stipe ha voluto dare il suo supporto alla manifestazione contro il proliferare delle armi March For Our Lives, organizzata per oggi, sabato 24 marzo, a Washington (alla quale hanno aderito tantissimi nomi dello showbiz a stelle e strisce).

Il testo della canzone recita:

 

"Future, if Future, this future is ours / Stunk to high heaven lotus, nerve gas or flowers / We’ve got the obvious, we’ve got the power / Please don’t stare, we’re doing all we can".

 

Tecnicamente si tratta del primo brano pubblicato come cantautore solista da parte di Stipe, che nel maggio del 2017 aveva partecipato al Moogfest di Durham (kermesse annuale dedicata alla musica elettronica) portando un’installazione musicale accompagnata da melodie inedite. In quell’occasione l’ex cantante dei R.E.M. aveva dichiarato che la composizione di musica strumentale lo liberava dal peso di scrivere i testi delle canzoni, e dalla necessità di comunicare sentimenti attraverso le parole.

In questo caso Stipe (il cui impegno civile, politico e sociale è stato molto forte soprattutto durante gli anni della presidenza Reagan e Bush) è voluto tornare sui suoi passi, facendo sentire in musica e parole la sua presenza ad una manifestazione organizzata dopo la strage della scuola di Parkland del 14 febbraio, quando rimasero uccise diciassette persone.

Rimane da chiedersi se Future, if Future sia una pubblicazione isolata ed eccezionale, o se Michael Stipe stia per tornare.