Salta al contenuto principale
  • BUONGIORNO ITALIA! I due giorni più importanti della vita sono quello in cui sei nato e quello in cui capisci perchéMark Twain

Regina Elisabetta II d'Inghilterra: tra i suoi avi ci potrebbe essere Maometto

di Stefania Fiorucci
Povera Regina Elisabetta: in tanti anni di regno sul suo conto ne ha sentite parecchie: in lite con Diana prima e Camilla poi, dispotica e, secondo le lingue più malevole, un po' taccagna. E ora ci si mette pure il trisavolo profeta
Questo sì che è "orientalis karma"

Orientalis Karma. Quando è diventata regina, più di 60 anni fa, mai e poi mai Elisabetta II d'Inghilterra avrebbe mai immaginato di venire tacciata, un giorno, come la pronipote di Maometto. Sembra una barzelletta ma non lo è affatto. Lo ha rivelato il settimanale marocchino "Assahifa Al-Ousbouia", secondo cui in cima all'albero genealogico della regnante ci sarebbe proprio lui, il messaggero di Allah, il profeta Maometto.

Certo, se fosse vero, sarebbe un destino beffardo: ma come, dopo avercela tanto avuta con Diana perché aveva lasciato il suo Carletto per un mussulmano, Dodi Al Fayed, figlio dell'allora proprietario dei grandi magazzini di lusso Harrods. Dopo aver tanto sofferto al pensiero che la nuora volesse sposare un uomo di religione islamica, con possibili figlioidel medesimo credo, ora si ritrova bis-bis-bis-nipote proprio di quell'uomo che tutti i mussulmani riconoscono come il loro profeta? "Questo è un ponte fra le due religioni e i due regni", ha concluso il quotidiano, orgoglioso che la regina più amata della storia contemporanea sia, dal punto di vista religioso, imparentata con loro. 

In realtà un'ipotesi del genere era stata già paventata circa trenta anni fa dalla guida genealogica dell'aristocrazia britannica, il Burke's Peerage, che aveva ritenuto plausibile la possibilità che la regina d'Inghilterra, e tutta la dinastia dei Windsor, risalisse ai regnanti mussulmani di Spagna e, andando ancora più indietro, a Maometto. Si dice che due indizi facciano una prova, e che due coincidenze non siano una coincidenza. 

Ma accidenti, se fosse vero sarebbe proprio una di quelle notizie bomba. Invece di smentire categoricamente, gli storici più famosi del Regno Unito si sono detti possibilisti: tra questi David Starkey, che in un'intervista rilasciata al Times ha rivelato: "L'ipotesi di una discendenza tra la Regina Elisabetta e Maometto, oltre a essere affasciante, non è del tutto fuori luogo".

Comunque tra gli avi della sovrana ci sarebbero altri personaggi storici che hanno fatto "discutere" per il loro carattere e il loro operato. Tra questi più che certo è il Conte di Cambridge Riccardo di Conisburgh. Era il nonno di re Riccardo III, vissuto in Inghilterra a cavallo fra il XIV e il XV secolo. ed era figlio di Isabella di Castiglia, a sua volta nata da Pietro «il Crudele», re di Castiglia e Leon fino al 1369. E' attraverso questo personaggio che si apre uno spiraglio nella possibilità che gli Windsor possano essere imparentati con il Sovrano di Siviglia morto nel 1042, ovvero Abu al-Qasim Muhammad ibn Abbad, pronipote diretto di Maometto: era infatti figlio di Fatima, la figlia minore del profeta. 

Sicuramente, ora che l'albero genealogico è stato reso pubblico, gli storici cercheranno di vedere se i vari legami tra padri, figli, fratelli e nipoti siano confermabili o meno con certezza matematica. Se non ci dovessero essere errori di sorta, la Regina Elisabetta si dovrebbe rassegnare all'idea di discendere dal mussulmano più famoso della storia. Magari potrebbe cercare di riscoprire qualcosina delle sue radici. Al posto dei suoi famosi cappellini, potrebbe provare a mettere sulla testa veli di seta come le donne d'oriente. Naturalmente, visto che la regina è sempre la regina, sarebbero solo in toni pastello, of course: giallo, verde pistacchi, turchese, rosa e lilla.