Prima Pagina>Esteri>A Chengdu i legami tra il Mediterraneo e il Sichuan
Esteri Eventi

A Chengdu i legami tra il Mediterraneo e il Sichuan

CHENGDU, 27 NOV – Una mostra dal titolo “Paestum: città dell’antico Mediterraneo” ha preso il via nella Provincia sud occidentale cinese di Sichuan per proporre l’antica civiltà del Mediterraneo. Paestum era una grande città antica sulla costa del Mediterraneo. Organizzata dal Parco Archeologico di Paestum e dal Museo di Sichuan, la mostra presenta 134 reperti dal VI al III secolo a.C., che raccontano la storia degli scambi culturali, delle migrazioni

Advertisements
e dei cambiamenti socio-politici di quel periodo. Inoltre, 13 oggetti di bronzo dello stesso periodo storico della Cina, quello degli Stati Combattenti (475 a.C.- 221 a.C.), sono in mostra per creare un dialogo tra le due antiche civiltà.
   

La mostra durerà fino al 26 febbraio 2020. Durante l’evento si terranno forum accademici e attività didattiche. Il Parco Archeologico di Paestum ha firmato un accordo quadro di cooperazione con il Museo di Sichuan e con l’Istituto Provinciale di Sichuan per le Reliquie Culturali e la Ricerca Archeologica, in base al quale le tre parti condurranno scambi e cooperazione in materia di scavi, protezione, esposizione e uso del patrimonio culturale.

Advertisements

Il Sichuan, patria dei panda giganti, ha visto negli ultimi anni numerose collaborazioni e scambi con istituzioni culturali e musei italiani. Mostre sulle antiche civiltà di Roma e Pompei si sono tenute in Sichuan, mentre le antiche civiltà locali sono state esposte anche a Roma e Napoli. Wang Yi, vice direttore del Dipartimento Provinciale per la Cultura e il Turismo di Sichuan, ha detto nel discorso di apertura, tenutosi nella giornata di ieri, che in futuro si augura sinceramente di vedere progetti di cooperazione più pratici tra il Sichuan e l’Italia nel campo delle reliquie e dei siti storici e culturali per gli scambi e l’apprendimento reciproco.

(XINHUA)