Prima Pagina>Esteri>Asta record: 260mila sterline per occhiali Mahatma Gandhi
Esteri

Asta record: 260mila sterline per occhiali Mahatma Gandhi

(ANSA) – ROMA, 22 AGO – Un paio di occhialini d’oro a lenti
tonde appartenute al Mahatma Gandhi sono stati battuti all’asta
al un prezzo record di 260.000 sterline – quasi 20 volte
l’aspettativa – in Inghilterra, dopo essere passati di
generazione in generazione in una famiglia per quasi 100 anni e
dopo aver rischiato di essere buttati nella spazzatura.
    Gli occhiali negli anni 20 del

Advertisements
900 appartenevano l’allora
giovane avvocato indiano Mohandas Gandhi, che in Sudafrica li
usava per leggere e che li regalò a un tale, nella cui famiglia
il cimelio è stato passato di generazione in generazione.
    Finirono relegati in un cassetto all’interno di una busta di
carta per quasi cinquant’anni, durante i quali hanno anche
rischiato di essere buttati via come “oggetto inutile”. Poi un
discendente decise di portarli alla casa d’aste East Bristol
Auctions e li lasciò nella cassetta postale, per metà sporgenti
fuori, accompagnati da con un biglietto: “Questi occhiali
appartenevano a Gandhi, per favore chiamatemi”.
    Lì sono rimasti, mezzi dentro e mezzi fuori, da venerdì a
lunedì mattina. “Avrebbero potuto facilmente essere rubati e
finire nel secchio”, ha commentato ai media britannici il
banditore Andrew Stowe. Quanto al proprietario, racconta: “Mi
disse, se ritiene che non valgano nulla li butti via
tranquillamente”. Ma quando Stowe gli disse che potevano essere
venduti ad almeno 15.000 sterline “ha avuto quasi un infarto”.
    L’uomo allora disse a Stowe che avrebbe diviso la somma con sua
figlia.
    Ad acquistare il cimelio storico – definito da Stowe “il
lotto più splendido del secolo” – è stato un collezionista, che
ha proposto la cifra di 260 mila sterline (quasi 290.000 euro)
al telefono a sei minuti dal bando. Quanto all’uomo che era
incerto se buttarli, ora riceverà una somma “che ti cambia la
vita”, assicura il banditore di Bristol. (ANSA).
   

Fonte Ansa.it

Advertisements

Rispondi